When Hanan Met Peter.. (Franklin Lamb)

Franklin Lamb

Hanan is the  Islamophobic Lebanese woman, Hanan Qahwajiwho as a child lived   in the South Lebanon village of Marjyoun overlooking the Lebanon-Palestine border during three years of the on again off again Lebanese Civil War before she became an Israeli collaborator and fled to Israel.

Hanan, repackaged as “Rachael”, soon quickly landed a job with Israeli TV and specialized in telling stories about how Muslims terrorized her and her Christian neighbors.

Later, repackaged as “Nour Semaan”, a name she still sometimes uses, Hanan tells American audiences that she became a Middle East “anchor” in Israel.

Forgetting to mention that her job was with Pat Roberson’s, Christian Broadcasting Network, working to spread his politically conservative, Pentecostal faith in the Middle East which includes Robertson’s vision of rapture and how righteous Jews will all convert when Jesus comes again. The others will burn in Hell according to the Pentecosts. Hanan is sometimes known as, Nour Semaan, Rachael Cohen, “Dark Angel” and more recently, Bridgitte Gabriel, founder of the anti-Islam Zionist hate group “Act! For America.”

Peter, would be US Congressman Peter T. King, the Republican Islamaphobe from Long Island, NY, who as Hanan’s new partner in saving America from Islam, she sometimes flirtatiously refers to simply as “Petey” or “Petey Chops.”

It’s unknown to this observer whether the couple experienced a vrai coup de foudre when Mr. King was Hanan Qahwaji’s first guest earlier this year on a new cable television show that she co-hosts with Guy Rodgers, a Republican consultant who helped expand the Christian Coalition which used to be a potent political organization on the Christian right and who is ACT’s Executive Director. However, “Petey” and “Bridge” as he calls her sometimes, certainly appear to see potential in one another for saving America from the Muslim hoards which according to the duo are now in all American neighborhoods and who have infiltrated the FBI, the CIA, the State Department and the White House!

The new team is said by one King staffer to share a vision of “defeating Radical Islam in America and defeating it before its too late.” And they intend to show their fellow Americans just how to do it.

This past week in Washington, King held the second of what it planned as a series of “Congressional Hearings” designed to warn Americans about various threats from Muslims in their midst.

Gabriel frequently tells interviewer that “[F]or my first ten years I led a charmed and privileged life. All that came to an end when a jihadist religious war, declared by the Muslims against the Christians, […] tore my country and my life apart. It was a war that the world did not understand.”

Israeli Kids sending rockets as gifts “with love” to the Lebanese kids during July war 2006 on Lebanon.

What is obvious to the many Lebanese who view Hanan with contempt for misrepresenting and besmirching their country (not to mention her open letter to Israel during the July 2006 war, which she read frequently on TV shows urging Israel to keep bombing Lebanon despite their already killing more than 1,300 civilians is that it was a war that Gabriel did not understand.

The on-again off-again intermittent civil war was not characterized by anything remotely resembling a Muslim “Jihad”. Some Muslims actually fought with Israel and with Christian Militia. Moreover, the Palestinian organizations were secular nationalists and not remotely Jihadists plus many were also Christians, while other fighters were communists, Nasserites, and non-religious westerners. Although many combatants were Muslim, perhaps 35% were not. And their fight was with Israel; it was not a religious crusade against Christians.

Gabriel’s fundraising speeches among largely uniformed right wing Republican audiences in which she claims she was the target of a religious crusade against Christians is patent nonsense.

“Watching the World Trade Center buildings fall in 2001,” Hanan tells audiences, “I was struck by the same fear that I experienced during the war in Lebanon. As I watched, words instinctively came from my mouth as I spoke to the TV screen: ‘Now they are here.”

Gabriel is well aware, as Michael Young of Beirut’s Daily Star has pointed out that there was nothing remotely comparable between what happened in New York, Washington and Pennsylvania, and what she experienced in Marjayoun.

Bridgitte is said to believe that she can help King from deflecting rising criticism of his “hearings” given her own experience with hecklers as she tours the American heartland sounding the alarm.

She is said to resemble a Sarah Palin “mama grizzly” when she senses danger to those she cares about and no sooner than King’s hearing began last week than ACT! pounced with Tweets from the Congressional Hearing Room.

 Sarah Palin; politician and commentator.

An ACT! staffer twittered live labeling it: “Round 2: House Homeland Security Committee Hearing on The Threat of Muslim-American Radicalization in U.S. Prisons:

“As I watched the discussion during the hearing, I Tweeted about so that our ACT! for America members could see right away what Members of the U.S. Congress are saying and doing about it. While there certainly were not as many “rabble rousers” as there had been for Chairman King’s first hearing on Muslim radicalization, there was some political drama, nonetheless.

“For example, Rep. Laura Richardson (D-CA) falsely alleged that the focus of Chairman King’s hearing ‘can be deemed as racist and as discriminatory.’ The Chairman immediately fired back by saying that ‘the purpose of this Committee is to combat Islamic terrorism because that is the terrorist threat to this country. Bravo!”

“In response to Rep. Dan Lungren (R-CA) commenting that ‘the political correctness in this room is astounding,’ Rep. Shiela Jackson-Lee (D-TX) held up a copy of the Constitution replying that the document is where she finds her ‘version of political correctness.’ She went on further to state that there is a parallel between Christian militants and jihadists when it comes to bringing down the Constitution. More nonsense.”

“Rep. Hansen Clarke (D-MI) ranted terribly on for several-minutes about the real problem being the overcrowding of prisons due to unfair sentencing guidelines and claimed that prisoners were turning to Islam to ‘protect themselves.’”

Other witnesses who reportedly left Peter and Bridgette unhappy were:
Deputy Chief Michael Downing, Commanding Officer of the LA Police Department’s Counter-Terrorism and Special Operations Bureau, and Professor Bert Useem of Purdue University.

According to ACT! Tweets:
Chief Downing repeatedly tried to distinguish ‘Islam’ from what he referred to as ‘Prislam,’ and said that all jihadis had ‘hijacked’ the Islamic faith. As I listened to him, I wondered if he has taken the time to read sharia law, the Qur’an and the hadiths? If he did, I think he would understand that what the ‘radicalized’ Muslims are adhering to is an ideology that is clearly enunciated within Islam’s holy books and has been practiced for 14 centuries. His statements reminded me that a great deal of educating at local, state and federal levels still needs to
be done.”

“Professor Useem made several amazingly naïve and plain stupid assertions, one of which was that ‘correctional leadership (at both the agency and prison-level) has consciously and successfully infused the mission of observing signs of inmate radicalization into organizational practices. Rather than being sitting ducks, waiting for their facilities to be penetrated by radicalizing groups, correctional leaders have fashioned, staffed, and energized the effort to defeat radicalization.”

A few examples of questions from new Members that may have pleased Bridge and Petey were:

Rep. Chip Cravaack (R-MN) asked if Shariah law would supersede the U.S. Constitution for radicalized Muslims. A chorus of “Yes” was heard from most of the witnesses.
  Rep. Scott Rigell (R-VA) remarked that he was disappointed to see some members of the committee question why a hearing of this nature needed to take place. That the threat of Islamic radicalization in our prisons is clear.
  Rep. Jeff Duncan (R-SC) commented how remarkable it is that a discussion about the threat of radical Islam appeared to be “off limits.” He also expressed concerns about literature found in U.S. prisons, such as writings by Nation of Islam leader Louis Farrakhan, who asks: Which do you choose, the flag of Islam or the flag of America?

ACT! Final Tweet from King’s Hearing last week:
“Action by our grassroots is the fuel that makes the ACT! For American engine run. As we wait for Chairman King’s third hearing on Islamic radicalization it’s really nice to see that the engine is roaring loud and strong.”

In perhaps a personal message of encouragement to the Chairman were the words: “Please keep it up for Round Three!”

One subject being considered for Round Three is: “How to spot an Islamic terrorist in your neighborhood.” An interesting subject since that’s one suggested title for Hanan’s (Bridgitte’s) next book featuring an introduction by none other than “Petey” King.

L’attacco alla Libia e il diritto internazionale

Curtis Doebbler

“Al Ahram Weekly”

Il 19 Marzo del 2011 alcune nazioni occidentali hanno dato inizio al terzo conflitto armato internazionale contro un paese musulmano nell’ultima decade. Si sono dannate per affermare che l’uso della forza contro la Libia era legale, ma un’applicazione del diritto internazionale riguardo ai fatti indica che in realtà l’uso della forza è illegale.

Questo breve commento valuta l’utilizzo della forza contro la Libia, iniziando dalla Risoluzione 1973 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU che presumibilmente lo autorizza e l’eventuale attacco contro il popolo della Libia.

I FATTI: A differenza delle manifestazioni non violente in Egitto, Tunisia, Bahrain, Yemen ed altrove nel mondo arabo, le manifestazioni iniziate in Libia il 17 di Febbraio sono degenerate in pochi giorni in una guerra civile. Entrambe le parti avevano tank, cacciabombardieri, armi antiaeree e artiglieria pesante. Le forze governative consistevano principalmente di militari addestrati, mentre l’opposizione armata consisteva di soldati disertori e numerosi civili che avevano preso le armi.

Il livello della forza a disposizione di ognuna delle parti è indicato dai fatti che sarebbero avvenuti sabato 19 Marzo, in cui sia un aereo da combattimento governativo sia uno dell’opposizione sarebbero stati abbattuti vicino Bengasi. Nella misura in cui la guerra civile aumentava di intensità, la comunità internazionale ha considerato di agire in appoggio all’opposizione armata. Il 17 Marzo il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha adottato la Risoluzione 1973. E in 42 ore è iniziato un attacco contro le truppe del governo libico diretto, secondo il ministro della Difesa britannico William Hague, a uccidere il presidente libico.

Attorno alle 12 dell’ora locale a Washington, DC, sabato 19 Marzo, cacciabombardieri francesi hanno lanciato attacchi contro obiettivi descritti come tank e sistemi di difesa aerea. Alcune ore dopo, le navi da guerra statunitensi hanno iniziato a lanciare missili cruise contro obiettivi libici.

Sebbene paesi arabi e musulmani si erano aggiunti alla coalizione contro il loro vicino arabo e musulmano, nessuno di essi ha partecipato realmente ai bombardamenti mediante l’invio di aerei. Immediatamente dopo l’inizio degli attacchi aerei, Russia, Cina e il segretario generale della Lega Araba, l’egiziano Amr Moussa, hanno condannato la perdita di vite civili causata dai bombardamenti.

Malgrado le smentite dell’intenzione di colpire la guida libica, sono stati attaccati le residenze ed i complessi utilizzati dal colonnello Muamar Gheddafi. Dopo il primo giorno di bombardamenti diverse decine di civili, inclusi donne e bambini, sono stati uccisi.

Gli attacchi hanno avuto luogo dopo l’adozione della Risoluzione 1973 da parte del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Come risposta a questa risoluzione il governo libico ha dichiarato ufficialmente un cessate il fuoco nella guerra civile che conduceva contro i ribelli armati con base a Bengasi. La Libia ha annunciato inoltre di aver chiuso il proprio spazio aereo. I dirigenti occidentali hanno reagito davanti a queste azioni del governo libico affermando che non era possibile credervi e argomentando che i combattimenti continuavano. Fonti libiche confermavano infatti che la guerra civile continuava ed entrambe le parti continuavano ad attaccarsi reciprocamente.

LA RISOLUZIONE 1973 DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA DELL’ONU: La Risoluzione 1973 è stata adottata secondo il Capitolo VII della Carta dell’ONU con 10 voti a favore, nessuno contrario e cinque astensioni. A favore hanno votato i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza: USA, Gran Bretagna, Francia e i membri non permanenti Bosnia Erzegovina, Colombia, Gabon, Libano, Nigeria, Portogallo e Sudafrica. Astenuti i membri permanenti Russia e Cina e i membri non permanenti Germania, Brasile e India.

La risoluzione è stata adottata giovedì 17 Marzo, alle 18.30 ora locale a New York. L’ambasciatrice USA Susan Rice l’ha descritta come un rafforzamento delle sanzioni e della proibizione dei viaggi imposta prima della Risoluzione 1970 del Consiglio di Sicurezza. E’ stata promossa dai governi di Francia e Regno Uniti, ma con una forte presenza degli USA, i quali hanno tirato le fila da dietro.

Nella riunione del Consiglio di Sicurezza era presente il nuovo ministro degli Esteri francese Alain Juppé. Sebbene come ex primo ministro non fosse nuovo all’ONU, era giunto a questa carica solo alcune settimane dopo che il suo predecessore era stato rimpiazzato per aver accettato favori da un imprenditore libico, e solo alcuni giorni dopo che il suo governo era diventato il primo governo occidentale ad aver riconosciuto le forze combattenti contro il governo nella guerra civile libica come legittimi rappresentanti del popolo libico.

Il governo libico non ha avuto un proprio rappresentante nella riunione dopo che al suo ambasciatore ufficiale, l’ex presidente dell’Assemblea Generale Ali Abdel-Salam Treki, era stato negato l’ingresso negli Stati Uniti. Comunque, sebbene ufficialmente fosse stato rimosso dal suo incarico più di una settimana prima di esser passato all’opposizione, l’ex rappresentante permanente aggiunto Ibrahim Dabbashi era presente nell’operazione mediatica del Consiglio di Sicurezza del mercoledì per rilasciare una dichiarazione e rispondere alle domande.

La Risoluzione 1973 contiene 29 paragrafi operativi divisi in otto sezioni. La prima sezione esige nel suo primo paragrafo un “cessate il fuoco immediato” e il rispetto del diritto internazionale comprendente “un passaggio rapido e senza impedimenti degli aiuti umanitari”.

Un curioso secondo paragrafo operativo indicava la necessità di “intensificare gli sforzi per trovare una soluzione alla crisi” e passa a qualificare ciò come una risposta “alle legittime richieste del popolo libico” conducendo a “le riforme politiche necessarie per trovare una soluzione pacifica e sostenibile”. Un linguaggio tanto vago non risponde alla domanda di quali richieste legittime bisognerebbe soddisfare e quali riforme politiche siano necessarie. Legalmente queste richieste appaiono anche un’ingerenza diretta negli affari interni della Libia in violazione dell’Articolo 2 (7) della Carta dell’ONU, che tutte le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza devono rispettare secondo l’Articolo 25 della Carta. Questa discrepanza apparentemente inconciliabile alimenta la speculazione secondo la quale la risoluzione è un altro esempio di politiche che rifiutano il rispetto del diritto internazionale.

I paragrafi 4 e 5 hanno a che vedere con la protezione di civili, e quest’ultimo si concentra sulla responsabilità regionale della Lega Araba.

La parte operativa più ampia della risoluzione è dedicata poi alla creazione di una zona di interdizione al volo (no-fly zone) nei paragrafi 6 fino al 12. L’Articolo 6 crea la zona di interdizione aerea “di tutti i voli nello spazio aereo della Jamahiriya Araba Libica con il fine di aiutare a proteggere i civili”. Il paragrafo 7 enumera poi le varie eccezioni umanitarie.

E’ il paragrafo 8 quello sul quale si concentrerà forse l’attenzione della maggioranza degli avvocati internazionali, giacché menziona che gli Stati potranno “prendere tutte le misure necessarie per imporre l’attuazione della proibizione di voli”. L’uso del termine “tutte le misure necessarie” apre la porta all’uso della forza. Allo stesso tempo, l’uso della forza è limitato all’imposizione della zona di interdizione aerea e non si estende all’intenzione di uccidere la guida libica o ad appoggiare una parte nel conflitto armato, sebbene il fatto che venga impedito al governo libico l’utilizzo della sua forza aerea favorisce evidentemente l’opposizione armata.

Il paragrafo 8 è inusuale perché sembra che autorizzi l’uso della forza secondo il Capitolo VII senza applicare nessuna delle salvaguardie per l’uso della forza che vengono menzionate nell’Articolo 41. Non vi è nessuna dichiarazione che misure diverse da quelle includenti l’utilizzo della forza siano fallite. Di fatto, la Risoluzione 1973 è stata adottata dopo che il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, il Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU e l’Unione Africana avevano deciso di inviare missioni per contribuire ad una soluzione pacifica, ma prima che qualcuna di queste missioni potesse visitare la Libia. Inoltre, la Risoluzione 1973 è stata adottata dopo che l’offerta di rinuncia e abbandono del paese con la sua famiglia del dirigente libico è stata rifiutata dall’opposizione armata senza lasciare un margine ai negoziati.

I paragrafi dal 13 al 16 richiedono un embargo di armi e “deplorano il continuo flusso di mercenari” verso la Libia. Nel farlo, il paragrafo 13 decide che il paragrafo 11 della Risoluzione 1970 (2011) del Consiglio di Sicurezza debba essere rimpiazzato da un nuovo paragrafo che “autorizza gli Stati Membri ad utilizzare tutte le misure commisurate alle circostanze specifiche per realizzare tali ispezioni”. Questo linguaggio indica nuovamente che si potrà utilizzare la forza contro le imbarcazioni sospettate di trasportare armi alla Libia in violazione dell’embargo.

Nei paragrafi 17 e 18 si richiede che gli Stati neghino l’autorizzazione al decollo, atterraggio e sorvolo a “qualsiasi aeroplano registrato nella Jamahiriya Araba Libica o che sia di proprietà o operi per conto di cittadini o compagnie libiche”. Sebbene dichiari chiaramente che queste misure non riguarderanno i voli umanitari, indubbiamente li complicheranno.

I paragrafi dal 19 al 21 estendono il congelamento dei beni imposto dai paragrafi 17, 19, 20 e 21 della Risoluzione 1970 (2011) del Consiglio di Sicurezza [CSONU] a “tutti i fondi, altri attività finanziarie e risorse economiche” che sono “di proprietà o sono controllati, direttamente o indirettamente, dalle autorità libiche…o da individui o entità che agiscono per loro conto o diretti da esse”. I paragrafi seguenti, 22 e 23, ampliano le restrizioni di viaggi e il congelamento dei beni della Risoluzione 1970 (2011) a tutti gli individui in due annessi. Nel farlo, questi paragrafi impediscono essenzialmente che i membri della famiglia di Muamar Gheddafi escano dalla Libia e li obbligano effettivamente a combattere l’opposizione armata.

Il paragrafo 24 crea un nuovo organismo, una “commissione di esperti”, per assistere il comitato creato nella Risoluzione 1970 del CSONU a “riunire, esaminare e analizzare informazioni di Stati, organismi rilevanti delle Nazioni Unite, organizzazioni internazionali e altre parti interessate all’implementazione delle misure” nella Risoluzione 1970 del CSONU, per “fare raccomandazioni…migliorare l’applicazione delle misure rilevanti”, e “fornire al comitato un rapporto provvisorio sul proprio lavoro non oltre 90 giorni dalla nomina della commissione e, e un rapporto finale del consiglio non più tardi di 30 giorni prima del termine del suo mandato con i suoi risultati e raccomandazioni”.

Il paragrafo 27 dice che tutti gli Stati “inclusa la Jamahiriya Araba Libica, dovranno adottare le misure necessarie per assicurare che non vi siano resclami… in relazione ad ogni contratto o transazione la cui esecuzione sia accertata con ragione dalle misure adottate dal Consiglio di Sicurezza nella risoluzione 1970 (2011), dalla presente risoluzione e dalle risoluzioni connesse.”

Infine, nel penultimo paragrafo 29, il Consiglio “decide di continuare ad occuparsi attivamente della questione”.

PERCEZIONI PUBBLICHE: Da quando la risoluzione ha raggiunto il dominio pubblico, i tabloid e periodici ‘seri’ britannici stavano già chiamando il mondo alla guerra. I francesi avevano già convocato una riunione descritta come di pianificazione per l’uso della forza. E mentre il presidente degli USA rimaneva cautamente ambiguo, altri responsabili statunitensi chiamavano apertamente all’intervento militare in quella che da ora diventava una guerra civile in Libia.

Nella furia emotiva sembra che ci si sia dimenticati del diritto internazionale. Un commentatore della BBC è arrivato a suggerire che l’appoggio politico ad una zona di interdizione aerea da parte della Lega Araba costituisce una giustificazione legale per l’utilizzo della forza. Usi simili di forza in Afghanistan e Iraq, che sono ampiamente considerati come violazioni del diritto internazionale, sembra che non abbiano lasciato una grande impressione nei giornalisti britannici.

Anche altrove pare che i giornalisti abbiano dimenticato il diritto internazionale nelle loro considerazioni sulla Libia, invitando frequentemente all’invasione di un paese sovrano con la forza, malgrado non solo l’Articolo 2 (4) della Carta dell’ONU proibisca un simile uso della forza, ma lo faccia anche il linguaggio della stessa Risoluzione 1973 del CSONU.

Anche gli oppositori all’uso della forza sembrano inconsapevoli del diritto internazionale applicabile. Il parlamentare britannico Jeremy Corbyn, per esempio, ha chiesto alla Camera dei Comuni perché se viene utilizzata la forza contro la Libia per proteggere una parte in una guerra civile, non la usiamo in Bahrain dove decine di manifestanti disarmati sono stati uccisi per mano delle forze nazionali e straniere, o in Yemen dove circa 50 manifestanti pacifici sono stati massacrati da cecchini dell’esercito. Questa domanda almeno sembra comprendere il fatto che il diritto internazionale, per avere un valore reale nelle relazioni internazionali, deve essere applicato nelle situazioni simili in maniera simile. La mancata applicazione della legge in modo coerente nuoce gravemente al diritto ed alle sue restrizioni nell’azione internazionale.

DIRITTO INTERNAZIONALE: Mentre le decisioni rispetto all’uso della forza contro la Libia sembrano essersi basate più su emozioni che su una comprensione del diritto rilevante, questo diritto non è irrilevante. Il diritto internazionale continuerà a riflettere le regole generali che gli Stati utilizzano nelle loro relazioni reciproche molto dopo la fine del conflitto armato in Libia. Esso è anche, si può suggerire, cruciale per la pace e la sicurezza in un mondo composto da persone con valori e interessi diversi.

Forse il principio fondamentale del diritto internazionale è che nessuno Stato usi la forza contro un altro Stato. Questo principio è dichiarato espressamente nell’Articolo 2, paragrafo 4, della Carta dell’ONU. Nessuno Stato può violare questo principio del diritto internazionale.

Mentre il Consiglio di Sicurezza dell’ONU può ordinare l’uso della forza in circostanze eccezionali, secondo l’Articolo 24 (2) della Carta dell’ONU, il Consiglio “agirà in accordo ai Principi e Propositi delle Nazioni Unite”. Questo significa, per lo meno, che le opzioni per autorizzare l’uso della forza sono estremamente limitate se i mezzi pacifici di soluzione delle dispute continuano ad essere possibili. Nel caso attuale, sembra che il Consiglio di Sicurezza si sia affrettato ad utilizzare la forza.

Strette eccezioni al divieto dell’uso della forza si trovano nell’Articolo 51 e nel Capitolo VII della Carta dell’ONU. Le ultime disposizioni, specialmente nell’Articolo 42, permettono al Consiglio di Sicurezza di intraprendere un’azione che “può essere necessaria per mantenere o restaurare la pace e la sicurezza internazionale”. Le risoluzioni 1970 e 1973 affermano che saranno entrambe adottate secondo il Capitolo VII. Né l’una né l’altra, comunque, possiedono i requisiti dell’Articolo 42 che si sia giunti alla determinazione che siano fallite le “misure che non prevedano l’uso della forza”.

E’ difficile vedere come si possa giungere ad una determinazione simile in una guerra civile. Sembra che ci si debba quanto meno basare su una missione di indagine sul terreno. Tuttavia in Libia non si sono recate missioni di indagine del Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU e del Consiglio di Sicurezza. Mentre vi sono pochi dubbi che i governi occidentali, come quello degli Stati Uniti, possiedano importanti capacità per determinare quello che accade in Libia mediante metodi di vigilanza a distanza, questo non presenta sufficienti prove riguardo al rispetto delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza da parte del governo della Libia. Solo osservatori sul terreno possono capirlo, come abbiamo visto nella disinformazione diffusa sulle azioni dell’Iraq basate su terze parti e fonti di vigilanza distanti.

Inoltre, l’evidenza del rispetto da parte della Libia riguarda tutte e due le parti in causa. La Libia ha annunciato quasi immediatamente che avrebbe rispettato i termini della Risoluzione 1973 del CSONU dopo che questa è stata adottata. Comunque, in una dimostrazione senza precedenti di intolleranza diplomatica, e senza conferma dei fatti sul terreno, i dirigenti occidentali hanno qualificato come bugiarda la guida libica.

La Libia ha offerto inoltre di accettare monitoraggi internazionali, ed è arrivata anche ad estendere l’invito affinché visitassero il paese. E in una concessione straordinaria, la guida libica aveva inviato un messaggio all’opposizione armata, quando questa aveva il sopravvento e si avvicinava a Tripoli, nella qualle si diceva pronto a rinunciare al potere e adabbandonare il paese. Fu solo dopo che questa offerta venne respinta e che i dirigenti dell’opposizione dichiararono che non era negoziabile la cattura ed uccisione della guida libica, che le truppe governative lanciarono la loro offensiva.

Se il diritto internazionale permette che gli Stati utilizzino la forza in circostanze molto limitate, esistono ancora meno circostanze nelle quali è permesso ad attori non statali di utilizzare la forza. Una di queste circostanze è quando si eserciti il diritto all’autodeterminazione contro una potenza occupante straniera e oppressiva. Questo può dare diritto agli iracheni o afgani ad usare la forza contro eserciti occupanti, ma non fornisce al popolo libico il diritto di utilizzare la forza contro il proprio governo.

Anche il diritto extragiudiziario della rivoluzione, la cui esistenza molti avvocati internazionali ammettono quando i limiti della legge vengono raggiunti, non è stato eccezionalmente invocato per i ribelli libici. Mentre la partecipazione al governo della Libia poteva essere un problema diffuso, il paese aveva il maggiore reddito pro-capite in Africa e uno dei migliori indicati negli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Inoltre la Libia ha dimostrato nel passato di rispettare il diritto internazionale, applicando le sentenze della Corte Internazionale di Giustizia nel conflitto con il Ciad e anche consegnando sospetti per i quali vi erano prove discutibili per il loro processo all’estero nell’affare Lockerbie.

Infine, il tema dell’autodifesa è rilevante nell’uso della forza contro la Libia. Piuttosto che giustificare l’attacco occidentale contro la Libia, sembra giustificare un’azione [eventualmente] intrapresa dalla Libia contro interessi occidentali. In altre parole, poiché la Libia è stata oggetto di un attacco armato che è probabilmente illegale secondo il diritto internazionale, ha diritto a difendersi. Questo diritto include la realizzazione di attacchi contro installazioni militari o personale di qualsiasi paese coinvolto nell’attacco. In altre parole, l’attacco contro la Libia di Francia e Stati Uniti rende le installazioni militari e il personale di questo paesi obiettivi legittimi di attacchi realizzati dalla Libia in qualità di autodifesa.

Senza tenere in conto la legalità dell’uso della forza di nessuna parte nel conflitto armato, il diritto umanitario internazionale e le leggi della guerra continueranno ad essere applicati. Secondo questo diritto, tutti gli Stati coinvolti in un conflitto armato devono essere attenti a non attaccare civili. Le autorità libiche hanno affermato di rispettare questa restrizione nella guerra civile, sebbene i ribelli abbiano rifiutato questa affermazione. Il diritto umanitario internazionale esige che nessuna forza militare si rivolga contro civili o installazioni civili in Libia.

Similmente anche il diritto internazionale dei diritti umani rimane vigente, rendendo l’attacco a civili soggetto a restrizioni dell’uso della forza emananti dagli obblighi internazionali dei diritti umani esistenti. Se l’utilizzo della forza contro la Libia è illegale, come affermato precedentemente, il criterio per determinare se si sta utilizzando forza sproporzionata è applicabile in tempi di pace. E’ questo il caso perché nessuno Stato coinvolto nell’uso della forza in Libia ha annunciato la deroga dei suoi obblighi dei diritti umani e perché sarebbe contrario all’oggetto e proposito di tutti i trattati esistenti di diritti umani che sia permesso agli Stati che semplicemente li derogano nell’iniziare un conflitto armato in violazione del diritto internazionale.

L’uso della forza in maniera contraria al diritto internazionale esistente è forse a lungo termine il più grande danno all’umanità. Nel Patto di Parigi del 1928 e di nuovo nella Carta dell’ONU del 1945, gli Stati concordarono di non utilizzare la forza gli uni contro gli altri per raggiungere gli obiettivi della loro politica estera. Il mondo occidentale è apparso sfidare ripetutamente questo accordo negli ultimi 10 anni, specialmente vista la propria disposizione a intraprendere azioni militari contro Stati a maggioranza musulmana. Nel farlo ha inviato un segnale innegabile alla comunità internazionale attraverso le proprie azioni, e malgrado alcune delle sue affermazioni, ovvero che il diritto internazionale non ha per esso alcuna importanza. Se questo messaggio non trova risposta dai propugnatori del diritto internazionale, allora i passi in avanti che sono stati compiuti per assicurare che la comunità internazionale rispetti l’autorità della legge potrebbero essere annullati dalle future generazioni.

 

L’autore è un prominente avvocato internazionale statunitense di diritti umani.

 

© Copyright Al-Ahram Weekly. All rights reserved

Fonte: http://weekly.ahram.org.eg/2011/1040/re111.htm

L’americanizzazione che avanza: il “patriottismo senza patria” e la militarizzazione dell’immaginario

di Enrico Galoppini

Quando ho sentito per la prima volta, l’anno scorso, che le istituzioni stavano organizzando i “150 anni dell’Unità d’Italia”, di prim’acchito ho pensato si trattasse del consueto gorgo in cui far sparire, un bel po’ di soldi pubblici, alla faccia della “crisi”, con l’abituale condimento di retorica insulsa; ma quando quest’anno è scattata l’aggressione militare alla Libia, e Roma, malgrado il Trattato di amicizia e collaborazione con Tripoli (ostentato come un fiore all’occhiello fino al giorno prima), ha subitamente aderito, mi si è chiarito il perché di tanta enfasi su questa “ricorrenza patriottica”…

Siamo in guerra ma non lo si può ammettere, questa è la verità. Siamo in guerra al fianco dell’America e dell’Occidente (non mi stancherò mai di ripetere che si tratta di sinonimi, per indicare la civiltà dell’ateismo e del “regno della quantità”). Ma come ci siamo scivolati in questa situazione che solo vent’anni fa sarebbe stata impresentabile?

La musica è cambiata un po’ per volta, a partire dalla prima Guerra del Golfo (1991): l’Italia che “ripudia la guerra” (art. 11 della Costituzione) è ormai un pallido ricordo, poiché di fatto oggi la sua “classe dirigente” non fa nulla per evitare di finirvi dentro, né di fiancheggiarla o di giustificarla, se a volerla sono i “nostri alleati” (altrimenti è “condanna senza se e senza ma”: mi pare di sentirlo un Frattini che condanna uno “Stato canaglia”!). Abbiamo poi assistito in tutti questi anni post-Urss ad un progressivo protagonismo militare del nostro Paese, dalla partecipazione allo sbarco in Somalia con tanto di riprese in diretta all’ignobile attacco all’ex Jugoslavia, fino alle decine di costosissime “missioni di pace”, dal Libano (dove peraltro c’eravamo già stati nei primi anni Ottanta, ma con altre motivazioni perché non eravamo così impelagati con Nato & soci) all’Iraq, all’Afghanistan, dove – colmo della mistificazione – manderemmo i nostri “scarponi” a far da “sentinelle della democrazia” e della “ricostruzione” (dopo che gli “alleati” hanno volutamente ridotto quella terra a un cumulo di rovine!) .

Per carità, non sono così fesso da pensare che ogni volta l’Italia partecipi entusiasticamente (siamo o non siamo una colonia americana? ad ogni ordine bisogna battere i tacchi! e chi non lo fa è morto); o che nelle recondite pieghe di qualche tentennamento o attacco ai nostri contingenti (v. la famosa “strage di Nassiriyya”) non si nascondano chissà quali “pugnalate alle spalle” da parte di quelli che la propaganda presenta invariabilmente come “amici”. Non sono neppure così ingenuo da ritenere che alla fine un qualche vantaggio, talvolta, vi sia più nello “starci dentro” che nel “rimanere fuori”… Ma con questa giravolta libica – l’ennesima della nostra disonorevole storia nazionale – si rende davvero un’impresa disperata presentare la cosa in termini di “interesse nazionale”.

Infatti non avevamo alcun interesse ad associarci a quest’ennesimo odioso crimine, di cui siamo ragguagliati ancor meno di quanto ci illusero di sapere in occasione delle precedenti “guerre democratiche” degli ultimi vent’anni. Siamo passati da Peter Arnett della CNN e la guerra tipo videogioco sul cielo di Baghdad alla sparizione pura e semplice di ogni notizia, tant’è che la Libia è passata in secondo o terzo piano, messa dopo le trite scaramucce centro-destra e centro-sinistra, le notizie relative ai disastri meteorologici e il periodico caso di cronaca nera sul quale i notiziari indugiano morbosamente con ogni dovizia di particolari sempre più scabrosi e inquietanti. Dell’aggressione alla Libia ci fanno vedere solo e sempre la solita scena dei “ribelli” che al “ciak si gira” dell’operatore televisivo si mettono a sparare a vanvera in aperta campagna… tanto le pallottole le paghiamo noi!

Stavolta hanno deciso che è decisamente meglio non parlarne proprio, così sembrerà che il problema non sussiste. Ed il risultato è assicurato perché la gente, in giro, non alcuna cognizione del fatto che a pochi chilometri noi anche i “nostri ragazzi” sganciano bombe addosso a persone che non ci hanno fatto alcun male, né avevano minacciato di farcene.

La vergogna è troppo grossa per andare in giro orgogliosi di questo ‘capolavoro’. E cosa di meglio, per velare questo scempio, della retorica patriottica per i “150 anni dell’Unità d’Italia”? Ecco che ogni occasione è buona per propinarci l’eroismo dei “nostri ragazzi” e l’efficienza delle nostre Forze Armate, coi balconi di alcune città-simbolo della pretestuosa ricorrenza – Torino su tutte – addobbati fino all’inverosimile col tricolore, come neppure s’era visto per la vittoria ai mondiali di calcio!

Ma basta pensare all’Italia e agli italiani di oggi, sempre più abbrutiti e istupiditi, per realizzare la dimensione della presa in giro in corso, che consiste nell’infondere loro un “patriottismo senza patria”, esattamente come quello dell’America. Il “patriottismo americano” è quello della tipica villetta col barbecue e la bandiera issata, che infatti ora possiamo ammirare anche qua: un senso d’appartenenza non ad una terra e ad una stirpe, ma ad una “idea” e a un “sistema di valori” globale inoculato dalle centrali della globalizzazione e del mondialismo che puntano all’instaurazione del “Regno della quantità”. L’America non è, infatti, una “terra degli avi” (quelli, poveretti, sono stati sterminati!), ma un’ideocrazia, la ‘terra promessa’ in cui realizzare il “mondo perfetto” della “democrazia”, della “libertà” e dei “diritti umani”. Dell’uomo “troppo umano” che non guarda più al Cielo, ma solo alla sua trippa e al suo delirante mondo psichico che lui chiama “le mie idee”… Si tratta in definitiva, dell’uomo ridotto alle sue mere facoltà animali, degradato dalla sua funzione di “vicario di Allah sulla terra” a quella di tubo digerente che con un “hot dog” in una mano e la bandiera nell’altra pensa di aver raggiunto il più elevato grado di felicità!

Finché gli italiani si percepivano come stirpe, e l’Italia era la “loro terra”, il tricolore (che ha pure le sue origini giacobine e massoniche, ma di necessità si può far virtù!) era letteralmente un tabù, patrimonio solo dei “fascisti” o quasi. Si cominciò ad aver il ‘coraggio’ di esporlo solo se affiancato alla bandiera dell’Unione Europea (che continua ad avere il medesimo numero simbolico di stelle malgrado aumentino gli Stati!), operando per tal via una sorta di ‘esorcismo’ al fine di renderlo sostanzialmente innocuo. Con questa nuova concezione della bandiera nazionale non si rischiavano più “derive nazionaliste”: la si sventola come una sorta di “bandiera della democrazia”… ed il cerchio si chiude, perché bandiera ideologica era e bandiera ideologica è tornata ad essere dopo qualche ‘incidente di percorso’, il più grave dei quali è stato il Fascismo, se lo intendiamo come l’anelito di un popolo-nazione ad essere “portatore di civiltà” (che poi ciò sia corrisposto o meno alla realtà è un’altra cosa, ma l’importante è rilevare l’anelito, il tentativo messo in atto). La questione-bandiera, per quanto riguarda l’Italia e le altre nazioni “occidentali” oggi sta così: “Adesso potete usare la vostra bandiera a piacimento perché come nazione libera, sovrana e indipendente non esistete più!”.

Non vogliamo apparire dei Bastiancontrario per partito preso: quello ostentato per i “150 anni” è un patriottismo senza senso perché senza patria, ridotta a prateria dove scorrono branchi di sciacalli… a “terra di nessuno” preda di lupi travestiti da agnelli: avete mai sentito uno che conta che non dice di volere “il bene dell’Italia”? A quest’ora, con questo esercito di ‘benintenzionati’ l’Italia dovrebbe essere il Paese di Cuccagna! Tutto va a scatafascio, la patria è svenduta, l’onore e la dignità persi… e che s’inventano? Un’orgia di celebrazioni tutto fumo e niente arrosto, da massa amorfa quali gli italiani stanno diventando, senza un barlume d’approfondimento e di riflessione (Mazzini, Pisacane… chi sono costoro?), con un ventennio della nostra storia addirittura espunto dai “150 anni” come “parentesi negativa della storia d’Italia” (potrebbero allora festeggiare i “130 anni”, no?).

Quello che interessa ai nostri dominanti, con tutta evidenza, è formare una nuova “coscienza nazionale” che non crei problemi ai fautori della globalizzazione e del mondialismo, perciò questo nuovo sentimento “patriottico” deve scaturire da persone che, mentre si vergognano per quello che sono stati i loro nonni nell’unico ventennio in cui almeno è stato tentato di “pensare in grande”, vanno fieri per i “nostri ragazzi” in giro per il mondo ad “esportare la democrazia” e a crepare per la cupidigia di vampiri assetati di sangue umano.

Per fomentare questo nuovo orgoglio patriottico in una patria che da “terra degli avi” viene ridotta a “occasione di lavoro” per gente fatta arrivare da tutto il mondo, e che per giunta andremmo ad “aiutare” a casa loro aggredendola militarmente (!), viene imbastita una serie d’iniziative volte a rendere familiari le Forze Armate: dalla settimana dei Bersaglieri a quella degli Alpini, da quella dei Granatieri di Sardegna a quella dei Carabinieri… mancano solo i Sommozzatori e i Guardaboschi (ma forse me li sono persi); con regolare esposizione, nelle principali piazze, di mezzi militari blindati che i genitori coi loro figli possono toccare ed ammirare, mentre un gazebo distribuisce materiale promozionale che spiega la bontà delle nostre (?) “missioni di pace”! Che cosa vi sia di “pacifico” nell’aggredire la Libia, davvero non lo so…

Come se tutto ciò non bastasse, ci si mettono le “porte aperte” alle caserme, dove le scolaresche (comprese quelle delle elementari!) vengono accompagnate a familiarizzare coi nostri “esportatori di democrazia”. Prima la Play Station forgerà ben bene la mente del bambino/ragazzo, poi, da grande, trovatosi senza lavoro per merito dell’esercito di ‘salvatori della patria’ di cui sopra, ed educato alla visione di quei filmetti a serie che esaltano le virtù dei corpi militari statunitensi, andrà in Afghanistan a mettersi una microcamera sull’elmetto per caricare su YouTube, condite da musica spaccaorecchie, le proprie ‘eroiche gesta’, in un miscuglio indistinguibile e inquietante tra realtà e finzione, in cui il “cattivo”, che prima si disintegrava nei pixel dello schermo, dopo si liquefa in una pozza di sangue davanti ai suoi familiari…

Per di più, oggi si rende evidente che l’eliminazione della leva è stata funzionale a quello che è stato definito il “nuovo modello di difesa”. A fare gli ascari in giro per il mondo non si poteva mandare dei “figli di mamma” impreparati anche a sparare coi fulminanti, ma professionisti del mestiere, anche se a dire il vero non ci risparmiano, ogni qualvolta che uno di loro ci rimette la pelle, lo strazio dei parenti, con dovizie di particolari sulla “moglie incinta” eccetera. Per carità, non sono così insensibile dal non considerare che anche costoro non abbiano affetti, o accecato dall’odio dal ritenere che si tratti dei peggiori “tagliagole” in circolazione; né mi sento – come fanno alcuni fanatici “contro” per partito preso in nome di uno dei vari deliri ideologici – di esultare se un italiano muore in Iraq o Afghanistan… Piuttosto, mi chiedo come si sentono quelli che ce li mandano, che mentre li infarciscono di retorica “patriottica” e “democratica” da quattro soldi, sanno bene come stanno le cose… Ecco, quelli sono i veri delinquenti, che i familiari di turno in lacrime per il congiunto scomparso per primi dovrebbero prendere a calci.

Purtroppo anche questi ragazzi (e ragazze: le “donne soldato” meritano un articolo a parte!), alle prese con una situazione nient’affatto rosea dal punto di vista occupazionale e delle prospettive (si faccia caso che la maggioranza è del sud Italia), come se già non bastasse l’indottrinamento “democratico” (scuola, Play Station, film eccetera) vengono illusi assieme alle loro famiglie sulle sorti magnifiche e progressive di un mondo “libero” di cui si sentono gli “alfieri”… E va ancora bene quando si tratta dell’esercito, dove ancora circolano dei “valori”, ché anche qua in Italia – come saltò fuori anni fa in Iraq – sta prendendo piede la moda dei “contractors”, ovvero dei mercenari strapagati disposti a tutto, tipo quelli della tristemente nota Blackwater.

Il militare italiano moderno, perciò, va assomigliando sempre più a quello americano: carne da macello adescata nei modi più subdoli e ingannevoli. Non colui che nobilmente difende la patria, sul limes (come facevano gli Alpini quando avevano un senso), dalle possibili invasioni straniere, bensì un soldato (da “soldo”) mandato di qua e di là, da Timor Est ai Balcani, dal Libano all’Afghanistan, a combattere in nome di altisonanti “ideali”, ma in realtà sfruttato ad esclusivo beneficio dei vampiri senza patria dell’usura mondiale e degli adepti del “Regno della quantità”.

La progressiva americanizzazione ed occidentalizzazione della nostra Patria passa dunque anche per questa trasformazione delle Forze Armate: da “nazione in armi” in caso di estremo ma logico bisogno, a onnipresente e pervasiva realtà di un’Italia costretta sempre più nella camicia di forza di un ideologico “patriottismo senza patria”.

Transcript of Remarks and Response to Media Questions by Foreign Minister Sergey Lavrov

MINISTRY OF FOREIGN AFFAIRS OF THE RUSSIAN FEDERATION
INFORMATION AND PRESS DEPARTMENT
_______________________________

32/34 Smolenskaya-Sennaya pl., 119200, Moscow G-200;
tel.: (499) 244 4119, fax: (499) 244 4112
e-mail: dip@mid.ru, web-address: http://www.mid.ru

Transcript of Remarks and Response to Media Questions by Foreign Minister Sergey Lavrov at Joint Press Conference Following Talks with Belarus Foreign Minister Sergei Martynov, Moscow, June 20, 2011
——————————–

Question: There have been reports recently that a delegation of the Syrian opposition is arriving in Moscow on June 27 to meet with Mikhail Margelov. How could you comment on the plans of the visit? Will not the Syrian opposition take them as a sign of support? Is there any information about who will lead the Syrian delegation?

Foreign Minister Lavrov: Speaking in general about what is happening in Syria, I would like to express our deep concern at the continuing clashes and the loss of life. It is enormously regrettable that among the peaceful protesters, quite rightly demanding political liberalization, there are those who prefer to provoke unrest, provoke government forces to use military measures of suppression of such disorders. We regularly discuss these issues with our partners in the Arab world, Europe and the USA.

As far as I can judge, including from my recent telephone conversation with US Secretary of State Hillary Clinton, we have a general understanding of the inadmissibility of playing along with those who want to provoke a situation similar to Libya. Russia will do everything in her power to prevent a slide of events in Syria to the Libya scenario. However, what we can do (and I hope together with all responsible members of the international community, especially those in the region, Europe and the United States) is to call for early implementation in practice of the reforms proclaimed by President of Syria Bashar al-Assad and to urge the opposition not to ignore the offer to discuss the proposed reforms, but to sit down and begin talking.

We are worried that at the recent meeting in Antalya (Turkey), the Syrian opposition said that it would not conduct any negotiation, any dialogue with the Syrian authorities. This is a bad position. It runs absolutely counter to the task of calming the situation. We won’t support it. We’ll work in the opposite direction. This also answers your specific question. We will encourage the Syrian opposition to show its share of responsibility for the country and the people and respond to the steps on reform taken by the authorities, if belatedly. But it needs to sit down and negotiate.

In principle, the contacts that we expect to carry out with the Syrian opposition, reflect our principled line: in any conflict, you can’t isolate anyone; you need to leave the door open for dialogue with all participants of specific events. So we are doing with regard to what is happening in Libya, so we will act with respect to the events in Syria. But I repeat – first and foremost, in terms of encouraging all participants without exception, including the opposition (in this case, the opposition in the first place) toward dialogue and rejection of provocations, of attempts to get the international community to come and with its “punitive sword” help them solve the problem of regime change.

Depleted Uranium: Subjection of Italy to The Interests of The USA-Nato and the Consequences of the “Humanitarian War”

The state prosecutor of Lanuesei has ordered  the exhumation of the corpses of 18 shepherds died from 1995 to 2010 due to tumors, which have one fact in common: they led their herds to pasture in the area near the military polygon of Nato-joint forces at Perdas de Fogu-Salto of Quirra. The decision has been emanated after the report of the Local Health Authority that many of the shepherds were dead due to leukaemia and that some livestock was born deformed. The Public Prosecutor’s Office has indicated a nuclear physicist  Prof. Evandro Lodi Rizzini of Brescia University  and CERN (European Organization for Nuclear Research) of Geneva to carry out all the necessary checks on the case.

Nothing new on the grounds of Sardinia where in the past some solders had died due to so called “Balkans-Quirra-Escalaplano syndrome”. The military victims at the national level can also be correlated with the various operative theaters where the Italian armed military forces had taken place: Somalia – Kosovo – Iraq – Afghanistan and where the NATO  had made a large use of a ammunition like depleted uranium, for military training at polygons as well.

The aggressive war against Serbia in 1999 shouldn’t be forgotten, where the bombs and missiles containing uranium have been used in great quantities against civil and military targets.

The territory of Sardinia has been subject of so called “servitù militari” (military slavery), non for the national interests (this is to remember the basis of the peace act signed by Italy after the Second World War according to which it is not possible for Italians to build aero naval base on the territory of the isle), with some very important polygons of Teulada on 7200 hectares:the peninsula in Sulcis Inglesiente for the training of the Sixth USA Fleet, the areas probably used for aero naval battle drill of NATO or tanks drill at Salto di Quirra 12700 hectares covering the polygon for experimental missile and  Sixth Fleet and NATO interforces’ ranges, Capo Frasca 1416 hectares NATO  e USA’s range, radar installations, heliport and logistic basis. There is also a great military airport at Decimomannu to add to this list of foreign military basis, as well as the basis at  La Maddalena Santo Stefano, Tempio and Tavolara.

The president of the Association of national victims engaged in the Armed forces, Falco Accame,

who struggles for years side by side the  contaminated soldiers, greeted  the initiative of the prosecutor of Lanusei that could be able to clear out the question  about the deaths of the soldiers and the civilians, with possible incrimination for multiple assassination and the environmental disaster.

 

INSTEAD IN USA

Los Alamos National Lab

oratory “Long-Term Fate of Depleted Uranium at Aberdeen and  Yuma Proving Grounds Final Report, Phase I: Geochemical Transport And Modeling”, LA-117 90-MS, DE90 012660 (1990), Los Alamos National Laboratory, New Mexico 87545, USA declare that on the polygons where the ammunition containing DU had been used, Aberdeen and Yuma, the desert areas in the interior territory of the United States, could not be settled by the humans unless after previous land clearance- (1)

In the Jefferson county (Indiana), the Pentagon has closed a polygon of range, about 80 hectares, where once the howitzers had been tested, hit by DU. The minimum cost  budget estimated  for clearance of the area is about 7,8 milliards of dollars – without taking into consideration everlasting storage of the ground 6 m deep and the elimination of the vegetation. Concerning that the price was too high, the army has looked for other solutions and in the end had decided to offer the territory to the National Park’ service in order to create a nature reserve, the offer that has been rejected. They say in these days that the ex-polygon of range would be recognized as “the zone of national sacrifice” with the prohibition of access for eternity as a consequence! These news tell us about the future of the various areas on the planet where the United States have used and will use the weapons containing depleted uranium.

 

ITALIAN SOLDIERS

Until 2010 the number of deaths of Italian soldiers has raised up to 216 cases, meanwhile the number of the soldiers contaminated by DU is up to 2500, according to the statement of Francesco Palese, the responsible of “Association of Victims of Uranium”; by the way  the latest official estimation provided by Military Health Authority is dated 2006.. …

 

The question about DU goes over the limits of Sardinia and involves in its complexity all the Italian Armed Forces engaged abroad (and the civilians engaged for the IAF with the task of maintenance of vehicles), exposed to contaminating effects of DU having  poor and late information and protection in the missions so called “humanitarian”, where Italy has almost no interests at all. These are the effects, which have been silenced  by the media, that  the civilians in the Balkans were subjected to by the West, as well as the civilians in the Middle East and probably in Libya in the years to come,  that has recently become the subject of “humanitarian bombardment of the NATO”.

 

It is necessary to take into consideration that only brave initiatives of some aggressive judges, associations and individuals have made some steps forward, meanwhile in the politics almost nothing has been done which proves one more time that there is no intention to find out anything. In fact “the commission Mandelli”, so called thanks to its coordinator Prof. Mandelli, has found really a little, made void due to the statistics errors during the investigation, pointed out by  Prof. Lucio Bertoli Barsotti of Torino University who has made his statement as follows:

 

 There is a statistics error in the investigation elaborated in the report of Mandelli. In particular, this error does non permit the Commission to find out  real “significant statistics” regarding  the number of cases of Hodgkin’s Lymphoma ( i.e. the fact that the number of the cases is abnormal compared to the incidence of spontaneous appearance of the disease and it  is reasonably unexplainable  mere appearance of the case) found within the group of soldiers took in consideration.

 

Re: “ Preliminary report of the committee chaired by the Professor Franco Mandelli, established by the Minister of Defence in order to investigate about the incidence of malignant neoplasms  among the military personnel  engaged in Bosnia andKosovo, and published on website of Ministry of Defence. As it may be noted, this study is in  course of evolution. However, Prof. Mandelli has arrived at the conclusion that the number of diseased was within the national average (“non significant statistics”), in particular the Hodgkin’s Lymphoma – the type of tumour that has raised a greater suspect due to the strange number of cases observed-, the conclusions that were registered as  official documents and made public through the madia, newspapers, radio   and      TV  ( something like a massage that wanted to inform “ the alarm is over”).

 

The report of the Committee established by the Ministry of Defense, hence partial, chaired by Prof Mandelli – professor without tenure at the Rome University La Sapienza – section Haematology, contains the number of cases expected and the cases observed, for all types of tumour pathology, in two schedules, the no. 8 and the no. 9. They are referred to two possible approaches of counting the pathological cases: the first covers all the military personnel and the second chooses only one part, supposing the latent period of 12 months for the disease to come out.. Now, the fact is that due to the data reported in the schedules we can deduce that (CM obviously  not noticed  due to some methodological errors during the elaboration of the data) as far as LH is concerned there is the significant excess of the cases observed, among the military personnel as well as among the group of soldiers with the hypothetic  latent period for the disease (no need to add that the persistence of these analysis regarding “significance” is “significant” by itself too).

 

“However the same Committee has avoided to analyse the cases before 1996 (3), leaving apart on  purpose the operation “Restore Hope in Somalia” in 1992/3, Bosnia in 1995 and the first Golf war in 1991.

The above schedules do not include the Italian civilians, foreigners and  discharged soldiers, then there was no comparison of the risks due to the nanoparticle of uranium and those of metals like tungsten  which can be found in traditional weapons. These are only some of the errors non caused by the committee that terminated its activity in 2002.

The conclusions are very upsetting:

  1. the malignant neoplasms, that were considered globally, were less present than estimated;
  2. there is an excess of statistically significant number of cases of Hodgkin’s Lymphoma among the military personnel engaged in Bosnia and Kosovo;
  3. the results of the analysis on random sample done on the soldiers engaged in Bosnia and Kosovo have not evidenced the DU contamination (4); due to the data noted down, or the information actually available, it was not possible to sort out the causes of the excess of Hodgkin’s Lymphoma cases  pointed out in the epidemiologic analyse.

The conclusion is that the number of diseased was within the national average, and the causes were non the heavy metals or the radiation emitted by  the weapons on depleted uranium.

 

 

The second report of the Committee established in Parliament in 2005 and terminated in 2007 has found out nothing new. It was noted : “ out of the checks and testimonies carried out in Balkans…there were no clear evidence affirming that the pathologies in question should be provoked by the contaminating and radioactive effects caused by the exposure to the ionized radiation or chemical contamination due to this type of ammunition. It seems important to notice that, since nowadays, according to the Committee, there have been no traces of DU in the histological samples of the soldiers employed in the missions in Bosnia and Herzegovina and in Kosovo, who developed tumour pathologies. (4)

 

Also according to the second report of the Committee of the Ministry of Defence, partial too, the results were negative or casual…or the evidence has non been sought where it could be found if all the necessary instruments had been used and if there were a contribution of  impartial scientific staff.

 

Concerning this, we will present the studies of  Dr Maria Antonietta Gatti, in charge of the biomaterial laboratory at the department of neuroscience  of the University of Reggio Emilia e Modena: the studies treat the contamination from nanoparticles, nano powder deposed into the environment, caused by the explosion in war or on polygons of range, which enter in organisms through the air o by nutrition. Nanoparticles are manufactured with the highest temperature of about 3000°C (the impact of missile containing DU on the tanks).

 

 

Dr Gatti and some researchers, members of the team working on the project on the European level, have found out in military sector one of the principal method useful for discovering the causes of nano pathologies. The studies have evidenced the presence of nano particles with heavy metal structure inside of the tissue samples of ex-soldiers operating in Balkans or Middle Est. The conclusion achieved is that “the syndrome of Balkans” is not caused by radioactivity of DU, but by nano particles liberated in atmosphere after the explosion, causing various forms of tumour. (4)

 

 

 

 

Balkans

 

Falco Accame contested immediately the results of the report of Committee of Mandelli basing his opinion onto the number of the soldiers considered for the analyses amounting about 27.000-30.000 soldiers employed in Balkans, reaching the number of 43.000 including Albania, Croatia, Macedonia e Slovenia. Accame affirms, instead, that it is necessary to take in consideration only a small part of the personnel engaged  particularly in Bosnia, where the security measures were not applied, meanwhile in Kosovo starting from  November 22nd, 1999 after the orders issued, the same have been applied. This fundamental incongruity makes void the affirmation from the report of Committee of Mandelli, because it is necessary to take into account the real number of the soldiers employed and exposed to the risk, which later on may be compared to the number of cases recorded as presumably contaminated.

 

ITALIAN CIVILIANS CONTAMINATED IN BALKANS

 

Along with  the military personnel, the civilians were contaminated too, following the troops as logistic support. The case that has been denounced by the “Military Observatory“ is  the worker responsible for  maintenance of caterpillars(Polo Mantenimento Pesante Sud), who contracted blood cancer, meanwhile the other cases, reported by the same,  contracted acute leukaemia.

 

In Bosnia, during the operations Beny Flight from  August 5th to  September 22nd 1994 and Deliberate Force from  August 29th to September 14th 1995, 10.000 DU missiles were released from fighter planes A-10 onto the ground and about 400 missiles from the war cruises Tomahawk, meanwhile in Kosovo, in the area from Pec to Djakovica, about 14.000 bombs and missiles were launched onto the zone controlled by Italians. It is estimated that about 4 tons of DU was present in the area supervised by Italians, compared to the total of 10 tons in the whole “theatre” (note: the Italian area was most hit by DU weapons compared to those controlled by USA, merely nonexistent, as a proof of high USA geopolitical interests in joke in order to create a bridge of control over the Balkans and the mines full of natural resources in Kosovo).

 

AGRESSION AGAINST SERBIA: on the Balkans theatre there was a premeditated aggression against Serbia in 1999, where other bombs and missiles with DU were released other bombs and missiles with DU in order to submit the will of Serbian people and their resistance. The capital of Belgrade was bombarded too.

 

Collateral effects: Since now the only fact certain is that  thousands of people had been subjected to the effects of DU from 1994 to 1999, with obvious increase of various tumours, leukaemia as well as kidney  diseases. It should be noted that, apart from the criminal conduction of the war, the international war convention has not been respected either. The NATO liberators did not disdain the use of biological weapons; some parasites were thrown onto the Serbs’ cultivations and the chemical industry was hit by missiles in the town of Pancevo near Belgrado. This can be described as a real chemical attack  which no international institution has condemned by now.

 

KOSOVO –  POOR PREVENTION

 

The superficiality with which the Italian soldiers were induced to operate is pointed out in the book and Dvd “Italy called”, describing the operating theatre in Balkans. Among other things, an operation named in code “Vulcano” is mentioned here: 1999 Kosovo, the Italian soldiers buried all the ammunition unused and left by USA forces and NATO in an enormous pit, and blew it up with explosive material.  Nobody of military personnel had  protective garments and masks and as a consequence had to breathe in the toxic dust emitted after setting off. Some years later, out of 14 men forming the team employed in the operation, 8  got ill, 2 died of cancer and some got the children with genetic deformation.

 

It may have been enough if someone from the Defence had been informed better in order to avoid the risks to which the Italian troops were exposed. The famous “Golf syndrome” that hit a lot of USA and Allied soldiers was not one of the stories invented by a journalist in search of publicity.

The cause, more than in the radiation contained in the ammunition, is to be sought in the toxic impact on kidneys because DU is a heavy metal highly pollutant for the surrounding environment. Among 600.000 soldiers deployed in the war against Iraq in 1991, more than 50.000 were subjected to grave disorders and from 5-10.000 soldiers are dead (D.D’Onofrio). Also the Greenpeace published in 1999 a study where the effects of DU weapons have been elaborated, concluding that the “principal impact on health is due to toxic effects”.

 

The studies carried out by the environmental section ONU and published in 2003, have discovered that in the air and the ground of Bosnia there were traces of DU seven years after the use of the same weapons, but at the same time affirms that it is “very improbable that the uranium could be correlated to the health problems noticed in the area, and strangely the same organisation

“ recommends to pick up the fragments of DU, to cover the contaminated area by asphalt or another layer of ground and to design on the maps the contaminated zones”.

In the Near East, in Iraq the Britannic and USA forces used immensely the ammunition containing DU. Ramsey Clark, the founder of International Action Centre, already Attorney General(USA) – Director of Public Prosecutions (GB), declared at the time that according to his estimation 350 tons

of DU had been dispersed on the Iraqi ground adding : “I was able to observe the effects of this new toxic substance in the occasion of my visit to the infantile  hospitals in Iraq. Initially in the drama of bombardments and famine due to the sanctions, doctors could not realize the increase of infantile tumours like leukaemia, syndrome of Hodgkin’s and lymphoma” (wwpublisch.com).

 

It is certain that weapons containing DU were used in the summer campaign of 2006 conducted by Israele against Lebano, and furthermore, without any doubt, the forces of the coalition alliance have been using the perforating armament heads containing DU these days. In the Focus on foreign policy of Berkely (California) it is considered certain 100 % the use of it, and they say that during the bombing by bombers B52, 24 hours after the initial attack on Gheddafi and against civil targets, 45 tons of bombs were launched.

 

BOMBS AND MISSILES: WHY IS DU USED?

From 1991, initially with the Golf War and finally with the War in Libya occurring nowadays, we have been  witness of escalation of the use of bombs and missiles containing DU.

The use of this material, which comes from the waste of power stations and nuclear industries in general, originates in 1970 during the Cold war between the NATO  and  Warsaw Pact.

The Pentagon has received the reports from their secret service containing the information that Soviet Union had been working on a new tank armour to be applied to their armaments, which would be able to neutralize the effects of perforating ammunition used until then by the USA and their Allies.

After numerous experiments, the USA researchers, discovered that the DU was the best  material  for new perforating missiles and anti-shelters’ o anti-tanks’ bombs. The main reason lays in heaviness of DU, which is better than tungsten, and, furthermore due to its heat resistance (arrives at the temperature  3000°C high) permits the missiles to pass through the thick tank armour and shelter walls,  usually the base of headquarters, without any problem. Compared to tungsten, its cost is relatively low, and USA in this way could avoid to be dependent on the import of this metal, mainly produced in China and, moreover, they  could benefit  autonomy in case of war.

 

Federico Dal Cortivo

 

Common weapons and ammunition that normally use depleted uranium

 

Gbu (Guided Bomb Unit)24 Laser guide – indicated against tanks and armoured shelters

 

Gbu-28

 

Blue-109 AGAINST SHELTERS

 

Blue-107 AGAINST AIRPORT STRIPS

 

Cruise Missiles Tomahawk

 

Perforating missiles 30 mm used by the fighters A10

 

Missiles against tanks APFSDS 105/120mm

 

MK-149-2 20mm

 

PGU/20 20 mm

 

 

  1. M.Lina Veca
  2. Foundation Pasti
  3. Victims of uranium (vittime uranio.com)
  4. Military slavery in Sardinia-Flori-Ledda
  5. Robert J.Parson – Day Wiliams, Mystery Metal, Nightmare in Afhanistan?

Printemps arabe, le jeu de Washington

Par (Christian Bouchet)
Printemps arabe, le jeu de Washington

Aux État-Unis, Paul Craig Roberts est une personnalité connue et respectée de la droite républicaine. Sous-secrétaire au Trésor dans l’administration Reagan, économiste renommé (1), chroniqueur du The Wall Street Journal et du Business Week, il n’a pas pour habitude de mâcher ses mots. Ainsi l’entretien qu’il a accordé, le 12 mai dernier, au quotidien serbe Politika, est-il de la plus grande importance pour comprendre ce qui se cache réellement derrière le printemps arabe.D’emblée Craig Roberts l’affirme « La guerre à la Chine et à la Russie a commencé » et d’expliquer comment, l’occasion faisant le larron, Washington n’a pas suscité le printemps arabe, mais « s’est mis aux aguets lorsque les manifestations ont éclaté en Tunisie et en Égypte, et s’est très vite aperçu que les mouvements de protestation arabes pouvaient être exploités pour éliminer la Russie et la Chine de cette partie du monde, sans confrontation directe ».

D’où une attitude opportuniste du Département d’État : ne pas s’opposer au changement en Tunisie et en Égypte, en y favorisant l’accès au pouvoir d’équipes de remplacement ne lui étant pas hostiles, tout faire pour que le printemps ne voit pas le jour chez ses alliés sûrs, où comme en Arabie saoudite ou à Bahrein les médias aux ordres savent détourner les yeux et ne pas insister sur répression féroce qui y sont menées tout en conditionnant, par contre, l’opinion publique sur les « violations des droits de l’Homme » qui auraient lieues en Libye ou Syrie et justifieraient une intervention militaire dans le premier cas et de vives pressions dans le second.

Libye : une affaire de pétrole

Craig Roberts résume ainsi la politique des USA : « Nous n’avons pas pour objectif le renversement du pouvoir à Bahreïn ou en Arabie Saoudite, où les gouvernement recourent l’un et l’autre à la violence contre ceux qui manifestent, parce que ces deux gouvernements sont nos marionnettes et parce que nous possédons une grande base maritime à Bahreïn. Nous n’avons pas semé les troubles en Égypte ou à Bahreïn ou en Tunisie ou en Arabie saoudite. C’est bien là la grande différence par rapport aux événements de Syrie et de Libye. Là les doigts de l’Amérique sont impliqués dans les désordres, dans l’organisation des manifestations, dans leur financements, etc. »

Il reste à comprendre la raison de cela. Sur ce point, Paul Craig Roberts est des plus clairs : « La Chine a investi d’énormes sommes dans les sources d’énergie dans l’Est de la Libye et elle compte sur ce pays en raison de ses besoins énergétiques. Il s’agit ici d’une tentative de la part de l’Amérique pour interdire à la Chine l’accès aux ressources en question. L’intérêt, s’agissant des manifestations en Syrie tient au fait que les Russes y ont une importante base maritime, ce qui leur assure une présence en Méditerranée. Washington s’est décidé en faveur d’une invasion de la Libye, et fait aussi de plus en plus pression pour une intervention en Syrie, de manière à nous débarrasser des Russes et des Chinois. »

Si la Libye paie dans le sang le fait d’avoir osé conclure des accords pétroliers avec la Chine, ce n’est pas, nous dit Roberts, son seul crime. Elle a aussi refusé d’intégrer l’Africom et elle occupe un positionnement géopolitique de premier plan, contrôlant une partie non négligeable du rivage méditerranéen.

En Syrie, une situation plus complexe

Ce contrôle d’un littoral important, la Libye le partage avec la Syrie. Cette dernière a le mauvais goût, aux yeux de Washington, d’y accorder des facilités portuaires aux navires russes. C’est un premier mauvais point, mais ce n’est pas le seul.

David Pipes (2), un important géopoliticien néo-con en a énuméré d’autres dans une étude publiée récemment dans les colonnes de la National Review.

Pour lui « le rôle principal de Bachar al-Assad sur le plan international est de servir d’allié principal de Téhéran. », l’Iran et la Syrie partageant, selon son analyse, des « préoccupations stratégiques à long terme, dues à leurs priorités de sécurité nationale. »

Par ailleurs, comme nous l’avons nous-même expliqué dans le numéro 54 de Flash, la Turquie a entrepris de constituer un nouveau « pacte de Bagdad », avec la Syrie, l’Irak et l’Iran mais cette fois sans les États-Unis et le Pakistan. Ce futur bloc territorial de 250 millions d’habitants – qui contrôlerait à lui seul le Bosphore, le détroit d’Ormuz et la plus grande part des routes du gaz et du pétrole – possèderait 35% des réserves d’hydrocarbures de la planète. De quoi inquiéter et déplaire aussi fortement à Washington.

D’où des raisons supplémentaires de faire chuter le Baath au pouvoir à Damas et ainsi d’affaiblir tant Téhéran qu’Ankara et de faire s’effondrer toute la politique d’Ahmet Davutoglu au Moyen-Orient. En outre, les troubles pourraient conduire les Kurdes de Syrie à obtenir plus autonomie, ce qui pourrait, par ricochet, encourager les Kurdes d’Anatolie à relancer leurs revendications séparatistes actuellement en sommeil et déstabiliser un peu plus la Turquie.

Cependant, et c’est là une chance dont la Libye ne dispose pas, l’effondrement du régime de Bachar al-Assad, est si gros de bouleversements régionaux dont on ne sait ce qu’il pourrait réellement en déboucher qu’il inquiète les politiques les plus réalistes à Washington et à Tel-Aviv. Ainsi, dans l’entourage même de Barack Obama, deux équipes de conseillers s’affrontent. D’un côté, l’une menée par Tom Donilon et Dennis Ross le pousse à renforcer son alliance avec Israël et à se montrer le plus intransigeant qu’il est possible de l’être avec Damas, Téhéran et Ankara. D’un autre, Hillary Clinton et George Mitchell plaident pour une certaine distanciation avec Israël et pour une politique réaliste avec la Syrie. Hillary Clinton n’hésitant pas à qualifier Bachar el-Assad de « réformateur » et à lui donner ainsi, d’une certaine mesure, un blanc-seing.

Cela étant, il reste à prendre en compte aussi, les réactions à venir de la Russie et de la Chine. Si Moscou louvoie et semble abandonner Kadhafi afin de ménager sa position dans la Libye d’après, sa position face à une accentuation des troubles en Syrie devrait être moins « arrangeante ». Quant à la Chine, elle a déjà fait connaître de manière diplomatique son agacement, et cela a été vain. Or les entreprises chinoises perdent actuellement des centaines de millions de dollars du fait de l’intervention occidentale en Libye, elles voient en cela, à juste titre, une attaque directe contre leurs intérêts et font pression sur leur gouvernement. Comme le remarque Craig Roberts, les États-Unis cherchent des noises à « deux États très puissants et fait cela de manière tout à fait imprudente et dangereuse » et il conclut qu’à terme « toutes les formes d’escalades sont possibles. C’est un danger réel et nous risquons une grande guerre. »

Paul Craig Roberts juge les Européens

Dans un autre entretien, accordé cette fois à Press TV, la chaîne d’information internationale iranienne en langue anglaise, Paul Craig Roberts dit ce qu’il pense des dirigeants politiques européens :

« On utilise les Français en Afrique, on utilise les Britanniques en Afghanistan, ce sont des pantins.

Ces pays ne sont pas indépendants. Sarkozy ne rend pas de compte au peuple français – il rend des comptes à Washington. Le premier ministre britannique ne rend pas des comptes au peuple anglais – il rend des comptes à Washington. Ce sont des dirigeants fantoches d’un Empire, il n’ont rien à voir avec leurs peuples qui les ont élus.

La Grande-Bretagne, la France, l’Italie, l’Allemagne, sont des États pantins des Américains, tous appartiennent à l’empire américain. Donc ils font tous ce qu’on leur dit de faire. On a des troupes stationnées en Allemagne depuis 1945. Les Américains ont des bases militaires en Italie – est-ce un pays indépendant ? La France était d’une certaine façon indépendante jusqu’à ce que Sarkozy ait été placé au pouvoir. »

1 – Y compris en France où Édouard Balladur, lui décernera la Légion d’honneur en mars 1987 pour son action en faveur d’un « renouvellement de la science économique ».
2 – Universitaire et journaliste (New York Post, Los Angeles Times, etc.), il a appartenu à la première administration (2000-2004) de George Bush. Il est membre du Council on Foreign Relations.

Le plan de déstabilisation de la Syrie

Par Thierry Meyssan
Les opérations conduites contre la Libye et la Syrie mobilisent les mêmes acteurs et les mêmes stratégies. Mais leurs résultats sont très différents car ces États ne sont pas comparables. Thierry Meyssan analyse ce demi-échec des forces coloniales et contre-révolutionaires et pronostique un nouveau retour de balancier dans le monde arabe.
La tentative de renversement du gouvernement syrien ressemble par bien des points à ce qui a été entrepris en Libye, cependant les résultats sont forts différents en raison de particularités sociales et politiques. Le projet de casser simultanément ces deux États avait été énoncé le 6 mai 2002 par John Bolton alors qu’il était sous-secrétaire d’État de l’administration Bush, sa mise en œuvre par l’administration Obama 9 ans plus tard, dans le contexte du réveil arabe, ne va pas sans problèmes.

Comme en Libye, le plan de départ visait à susciter un coup d’État militaire, mais il s’est vite avéré impossible faute de trouver les officiers nécessaires. Selon nos informations, un plan identique avait également été envisagé pour le Liban. En Libye, le complot avait été éventé et le colonel Kadhafi avait fait arrêter le colonel Abdallah Gehani [1]. Dans tous les cas, le plan originel a été revu dans le contexte inattendu du « printemps arabe ».

L’action militaire
L’idée principale était alors de provoquer des troubles dans une zone très délimitée et d’y proclamer un émirat islamique qui puisse servir de base au démantèlement du pays. Le choix du district de Daraa s’explique parce qu’il est frontalier de la Jordanie et du Golan occupé par Israël. Il aurait été ainsi possible d’approvisionner les sécessionnistes.

Un incident a été créé artificiellement en demandant à des lycéens de se livrer à des provocations. Il a fonctionné au delà de toutes espérances compte tenu de la brutalité et de la bêtise du gouverneur et du chef de la police locale. Lorsque des manifestations ont débuté, des francs-tireurs ont été placés sur les toits pour tuer au hasard à la fois dans la foule et parmi les forces de l’ordre ; un scénario identique à celui utilisé à Benghazi pour susciter la révolte.

D’autres affrontements ont été planifiés, chaque fois dans des districts frontaliers pour garantir une base arrière, d’abord à la frontière du Nord du Liban, puis à celle de la Turquie.

Les combats ont été menés par des unités de petite taille, composés souvent d’une quarantaine d’hommes, mêlant des individus recrutés sur place et un encadrement de mercenaires étrangers issus des réseaux du prince saoudien Bandar bin Sultan. Bandar lui-même est venu en Jordanie, où il a supervisé le début des opérations en relation avec des officiers de la CIA et du Mossad.

Mais la Syrie n’est pas la Libye et le résultat y a été inverse. En effet, alors que la Libye est un État créé par les puissances coloniales en mariant de force la Tripolitaine, la Cyrénaïque et le Fezzam, la Syrie est une nation historique qui a été réduite à sa plus simple expression par ces mêmes puissances coloniales. La Libye est donc spontanément en proie à des forces centrifuges, tandis qu’au contraire la Syrie attire des forces centripètes qui espèrent reconstituer la Grande Syrie (laquelle comprend la Jordanie, la Palestine occupée, le Liban, Chypre, et une partie de l’Irak). La population de l’actuelle Syrie ne peut que s’opposer aux projets de partition.

Par ailleurs, on peut comparer l’autorité du colonel Kadhafi et celle d’Hafez el- Assad (le père de Bachar). Ils sont arrivés au pouvoir dans la même période et ont usé de leur intelligence et de la brutalité pour s’imposer. Au contraire, Bachar el-Assad n’a pas pris le pouvoir, et n’envisageait pas non plus d’en hériter. Il a accepté cette charge à la mort de son père parce que son frère était décédé et que seule sa légitimité familiale pouvait prévenir une guerre de succession entre les généraux de son père. Si l’armée est venue le chercher à Londres où il exerçait paisiblement la profession d’ophtalmologue, c’est son peuple qui l’a adoubé. Il est incontestablement le leader politique le plus populaire du Proche-Orient. Jusqu’il y a deux mois, il était aussi le seul qui se déplaçait sans escorte, et ne rechignait pas aux bains de foule.

L’opération militaire de déstabilisation de la Syrie et la campagne de propagande qui l’a accompagnée ont été organisées par une coalition d’États sous coordination US, exactement comme l’OTAN coordonne des États membres ou non-membres de l’Alliance pour bombarder et stigmatiser la Libye. Comme indiqué plus haut, les mercenaires ont été fournis par le prince Bandar bin Sultan, qui a du coup été contraint d’entreprendre une tournée internationale jusqu’au Pakistan et en Malaisie pour grossir son armée personnelle déployée de Manama à Tripoli. On peut citer aussi à titre d’exemple l’installation d’un centre de télécommunication ad hocdans les locaux du ministère libanais des Télécoms.

Loin de dresser la population contre le « régime », ce bain de sang a provoqué un sursaut national autour du président Bachar el-Assad. Les Syriens, conscients qu’on cherche à les faire basculer dans la guerre civile, ont fait bloc. La totalité des manifestation anti-gouvernementales a réuni entre 150 000 et 200 000 personnes sur une population de 22 millions d’habitants. Au contraire, les manifestations pro-gouvernementales ont rassemblé des foules comme le pays n’en avait jamais connues.

Les autorités ont réagi aux événements avec sang-froid. Le président a enfin engagé les réformes qu’il souhaitait entreprendre depuis longtemps et que la majorité de la population freinait de peur qu’elles n’occidentalisent la société. Le parti Baas a accepté le multipartisme pour ne pas sombrer dans l’archaïsme. L’armée n’a pas réprimé les manifestants —contrairement à ce que prétendent les médias occidentaux et saoudiens— mais a combattu les groupes armés. Malheureusement, ses officiers supérieurs ayant été formés en URSS n’ont pas fait preuve de ménagement pour les civils pris entre deux feux.

La guerre économique
La stratégie occidentalo-saoudienne a alors évolué. Washington se rendant compte que l’action militaire ne parviendrait pas à plonger à court terme le pays dans le chaos, il a été décidé d’agir sur la société à moyen terme. L’idée est que la politique du gouvernement al-Assad était en train de créer une classe moyenne (seule garantie effective de démocratie) et qu’il est possible de retourner cette classe moyenne contre lui. Pour cela, il faut provoquer un effondrement économique du pays.

Or, la principale ressource de la Syrie est son pétrole, même si sa production n’est pas comparable en volume à celle de ses riches voisins. Pour le commercialiser, il a besoin de disposer d’assets dans les banques occidentales qui servent de garanties durant les transactions. Il suffit de geler ces avoirs pour tuer le pays. Il convient donc de noircir l’image de la Syrie pour faire admettre aux populations occidentales des « sanctions contre le régime ».

En principe, le gel d’avoirs nécessite une résolution du Conseil de sécurité des Nations Unies, mais celle-ci est improbable. La Chine qui a déjà été contrainte de renoncer à son droit de veto lors de l’attaque de la Libye sous peine de perdre son accès au pétrole saoudien ne pourrait probablement pas s’y opposer. Mais la Russie pourrait le faire, faute de quoi en perdant sa base navale en Méditerranée elle verrait sa flotte de Mer Noire étouffer derrière les Dardanelles. Pour l’intimider, le Pentagone a déployé le croiseur USS Monterrey en Mer Noire, histoire de montrer que de toute manière les ambitions navales russes sont irréalistes.

Quoi qu’il en soit, l’administration Obama peut ressusciter le Syrian Accountablity Act de 2003 pour geler les avoirs syriens sans attendre une résolution de l’ONU et sans requérir un vote du Congrès. L’histoire récente a montré, notamment à propos de Cuba et de l’Iran, que Washington peut aisément convaincre ses alliés européens de s’aligner sur les sanctions qu’il prend unilatéralement.

C’est pourquoi aujourd’hui le vrai enjeu se déplace du champ de bataille vers les médias. L’opinion publique occidentale prend d’autant plus facilement des vessies pour des lanternes qu’elle ne connaît pas grand-chose de la Syrie et qu’elle croit à la magie des nouvelles technologies.

La guerre médiatique
En premier lieu, la campagne de propagande focalise l’attention du public sur les crimes imputés au « régime » pour éviter toute question à propos de cette nouvelle opposition. Ces groupes armés n’ont en effet rien de commun avec les intellectuels contestataires qui rédigèrent la Déclaration de Damas. Ils viennent des milieux extrémistes religieux sunnites. Ces fanatiques récusent le pluralisme religieux du Levant et rêvent d’un État qui leur ressemble. Ils ne combattent pas le président Bachar el-Assad parce qu’ils le trouvent trop autoritaire, mais parce qu’il est alaouite, c’est-à-dire à leurs yeux hérétique.

Dès lors, la propagande anti-Bachar est basée sur une inversion de la réalité.

À titre d’exemple divertissant, on retiendra la cas du blog « Gay Girl in Damascus » créé en février 2011. Ce site internet édité en anglais par la jeune Amina est devenu une source pour beaucoup de médias atlantistes. L’auteure y décrivait la difficulté pour une jeune lesbienne de vivre sous la dictature de Bachar et la terrible répression de la révolution en cours. Femme et gay, elle jouissait de la sympathie protectrice des internautes occidentaux qui se mobilisèrent lorsqu’on annonça son arrestation par les services secrets du « régime ».

Toutefois, il s’avéra qu’Amina n’existait pas. Piégé par son adresse IP, un « étudiant » états-unien de 40 ans Tom McMaster était le véritable auteur de cette mascarade. Ce propagandiste, censé préparer un doctorat en Écosse, était présent lors du congrès de l’opposition pro-occidentale en Turquie qui appela à une intervention de l’OTAN. Et il n’y était évidemment pas en qualité d’étudiant [2].

Le plus surprenant dans l’histoire n’est pas la naïveté des internautes qui ont cru aux mensonges de la pseudo-Amina, mais la mobilisation des défenseurs des libertés pour défendre ceux qui les combattent. Dans la Syrie laïque, la vie privée est sanctuarisée. L’homosexualité, interdite dans les textes, n’est pas réprimée. Elle peut être difficile à vivre au sein de la famille, mais pas dans la société. Par contre, ceux que les médias occidentaux présentent comme des révolutionnaires et que nous considérons au contraire comme des contre-révolutionnaires sont, eux, violemment homophobes. Ils se proposent même d’instaurer des châtiments corporels, voire pour certains la peine de mort, pour punir ce « vice ».

Ce principe d’inversion est appliqué à grande échelle. On se souvient des rapports des Nations Unies sur la crise humanitaire en Libye : des dizaines de milliers de travailleurs immigrés fuyant le pays pour échapper aux violences. Les médias atlantistes en avaient conclu que le « régime » de Kadhafi doit être renversé et qu’il faut soutenir les insurgés de Benghazi. Or, ce n’est pas le gouvernement de Tripoli qui était responsable de ce drame, mais les soi-disant révolutionnaires de Cyrénaïque qui faisaient la chasse aux Noirs. Animés par une idéologie raciste, ils les accusaient d’être tous au service du colonel Kadhafi et en lynchaient quand ils en attrapaient un.

En Syrie, les images des groupes armés postés sur les toits qui tirent au hasard à la fois dans la foule et sur les forces de l’ordre sont diffusées par les télévisions nationales. Mais ces mêmes images sont reprises par les chaînes occidentales et saoudiennes pour attribuer ces crimes au gouvernement de Damas.

En définitive le plan de déstabilisation de la Syrie fonctionne imparfaitement. Il a convaincu l’opinion publique occidentale que ce pays est une terrible dictature, mais il a soudé l’immense majorité de la population derrière son gouvernement. Finalement cela pourrait devenir dangereux pour les concepteurs du plan, notamment pour Tel-Aviv. Nous venons d’assister en janvier-février 2011 à une vague révolutionnaire dans le monde arabe, suivie en avril-mai d’une vague contre-révolutionnaire. Le balancier n’a pas terminé son mouvement.

Des Bombes humanitaires de l’OTAN tuent, mutilent, balaient et écrasent tout en Libye

Ginette Hess Skandrani
Tribune libre
Des Bombes humanitaires de l’OTAN tuent, mutilent, balaient et écrasent tout en Libye

La résolution 1973 qui était sensée créer un bouclier aérien afin de protéger les civils en Libye, permet le massacre de centaines de personnes et de milliers de blessés. 850 morts par des bombes humanitaires) et 4000 blessés dont certains estropiés pour la vie.Nous avions mené une première enquête du 27 au 31 mars où nous avions crée à Tripoli cette commission d’enquête afin de rétablie la vérité sur tout ce que nous racontent les médias-mensonges.

Nous avions vite découvert que le prétexte ; protéger les populations civiles était un faux prétexte afin de pouvoir soumettre la Libye et à travers elle toute l’Afrique à la rapacité resourcière occidentale.

Tous les interventions sur nos télés annonçaient le massacre commis par Kadhafi : des dizaines de milliers de morts, du sang coulant à flot dans toutes les villes détruites, des hôpitaux pleins de blessés… tout cela était faux. Nous avions visité des quartiers comme Fachloum annoncée détruit, toujours debout, des gens accueillants et des magasins ouverts et aucun mort par blessure de ballas l’hôpital.

Nous avons rencontrés des gens heureux et non tyrannises comme annoncé dans nos médias ; soutenant leur guide et dénonçant les bombardements criminels de l’OTAN –TYRAN.

NOUS AVONS ENQUETE, VISITE, RENCONTRE DE NOMBREUX LIBYENS

Nous sommes retournés afin de continuer cette enquête afin de faire toute la lumière sur les véritables objectifs de cette agression contre le peuple libyens et ses dirigeants.

La Commission d’enquête Non-Gouvernementale soutiendra Maître Philippe Missamou, avocat du barreau de Paris en train de porter plainte contre L’OTAN en Belgique pour le massacre du fils et des petits enfants de Mouammar Kadhafi.

Nous avons visité la maison de Saïf Al Arab, le benjamin des enfants de Kadhafi, bombardée sauvagement dans un quartier résidentiel à ôté de l’ambassade de Côte d’Ivoire . Il n’en reste rien. Quatre missiles énormes, balancés par avion sur la maison et visant cette maison ont fait éclater les corps des bébés, celui des voisins et de Saïf qui gardait les bébés de ses frères et soeur, y compris celui d’une gazelle qui passait par là. Nous avons visité la maison, il ne reste rien debout entre les pierres, les débris des missiles et des trous partout avec les habits soufflés par la force de la bombe.

Un médecin de Bordeaux, le docteur Leclorec qui était présent sur le lieu a reconnu les corps et témoigné de leur identité Il nous communiquera le dossier. M. Kadhafi et son épouse venaient de quitter les lieux.

L’OTAN ne respecte rien. Cette « Organisation de Terroristes Assassinant les Nations » a également bombardé une église coopte orthodoxe, dont nous avons interviewé le responsable du Conseil de Réunion de l’église chrétienne. Les Chrétiens orthodoxes au nombre de 1200 étaient venus se mettre sous la protection de Kadhafi. Le Conseil de réunion de l’Eglise chrétienne qui regroupe également les catholiques de l’église romaine et les protestants, regroupant entre 2 à 3000 chrétiens demande d’arrêter immédiatement ce crime des bombardements.

Ils interpellent tous les religieux du monde entier et toutes les religions afin de sauver le peuple libyen et son guide.

Les cooptes sont très à l’aise en Libye et veulent rester dans la Libye de Kadhafi Il prient pour lui et demandent que la Libye soit un seul pays uni et que Dieu éloigne la guerre. Ce sont des médecins, des infirmiers, pharmaciens, ingénieurs et professeurs.

Le responsable de l’église coopte nous dit que le frère guide ne fait que le bien pour la Libye. S’il y a un problème, il ne peut se régler que par le dialogue.

Nous avons assisté à de nombreux bombardements, vus passer les avions de l’OTAN, les hélicoptères de Sarkozy et entendus les déflagrations. Nous avons constaté les dégâts sur les immeubles, les institutions culturelles, les infrastructures sociales. Nous avons vu des cratères très profonds.

LA PLACE BAB AL AZIZIYA

OU LA RESISTANCE VERTE NON-VIOLENTE

La réponse aux bombes meurtrières de l’OTAN, c’est le chant, la danse, les discours, le rire et la joie de vivre…

Cest une façon de ridiculiser ceux qui bombardent tous les soirs, tranquillement assis sur leurs culs dans des avions sécurisés.

C’est également se transformer en boucliers humains qui veulent par leur seule présence protéger leur guide.

Nous avons participé à leur manifestation en leur amenant notre solidarité pour leur combat.

Le Prince Sixte, Bourbon de Parme, descendants des Rois de France a eu un grand succès pour son intervention condamnant l’agression de la Libye, Bernard Chesnel de la Fondation Benazir Bhutto, Smaïn Betrouni de la « Voix des Opprimés » Pascal Henry journaliste réalisateur de Canal+ et moi même sommes également monté sur cette scène improvisée.

En voyant tous ces jeunes, garçons et filles, enthousiastes, nous avons été surpris par leur spontanéité, brandissant leurs drapeaux verts et des portraits du guide, tout en chantant des chants patriotiques.

Nous avons été épatés par leur courage, alors que les bombes tombaient juste à côté d’eux. Des cratères dont certains atteignant 5 m de profondeur témoignent de la violence des bombardements.

Cette place qui accueille également les Touaregs, les anciens, les tribus venues du Sud avec leurs chameaux planter leurs tentes symbolise la résistance non-violente et pacifique face à la barbarie.

La tribune dressée devant les ruines de la maison bombardée du guide en 1986 tuant déjà une de ses petites fille de deux ans : Hannah, nous a permis de participer à leur résistance.

Lorsque le bruit des bombes se rapprochait, nous avons fait comme les Libyens, nous avons chanté et insulté ceux qui bombardent en particulier les initiateurs de cette guerre : le philosophe perturbe BHL et le président revanchard Sarkozy.

Cette place de terre battue, où les gens restent nuit et jour, transformée en camp pour la Paix, les tentes bédouines, le thé à la menthe offert si généreusement, l’accueil hospitalier nous ont permis de réaliser ce que ce peuple amenait comme apport à la civilisation humaine.

Nous sommes plus que jamais décidés à faire tout notre possible pour faire arrêter ce crime contre l’humanité qu’est cette guerre programmée par les grandes puissances contre un petit peuple de 5 millions d’habitants

Paris 5 juin 2011.

Le mani degli Stati Uniti nel massacro del popolo yemenita

Il Generale David Petraeus, Comandante delle forze armate USA in Afghanistan, ha avuto un ruolo centrale nell’accordo che ha portato gli Stati Uniti ad addestrare le forze speciali yemenite, quelle stesse forze che nelle ultime settimane hanno commesso numerose stragi di civili che manifestavano pacificamente contro il governo.

Il quotidiano inglese “Guardian”, nell’edizione di venerdì 18 marzo, citando alcuni documenti di “WikiLeaks”, rivela che il Generale Petraeus, in un incontro avvenuto nella capitale yemenita nell’agosto del 2009, stipulò un accordo con il dittatore Ali Abdullah Saleh e alti responsabili del suo esercito per aumentare la cooperazione e l’addestramento delle forze di sicurezza dello Yemen da parte di istruttori ed agenti statunitensi. Petraues facilitò anche la fornitura al governo dittatoriale di Sana’a di 25 M-113 da parte della Giordania.

Il generale statunitense inviò quindi il capo del comando delle operazioni speciali dell’esercito USA a Sana’a per discutere i dettagli della cooperazione e dell’addestramento.

Il dittatore Saleh, il Comandante delle Forze Aeree Muhammad Saleh al-Ahmar e il comandante della Guardia Repubblicana Ahmed Ali Abdullah Saleh risposero tutti positivamente alla proposta di Petraeus di inviare le forze speciali yemenite presso il centro di addestramento “Operazioni Speciali Re Abdullah” ad Amman e il centro “Al-Dhafra” negli Emirati Arabi Uniti.

Venerdì scorso le forze di sicurezza yemenite addestrate dagli Stati Uniti hanno ucciso 52 civili che a Sanaa, in Piazza dell’Università, manifestavano contro il dittatore Saleh.

(Fenice Europea)

Caro Ban ki-moon, non siamo sulla “stessa barca”

di Enrico Galoppini

“Per favore mantenete le frontiere aperte a qualsiasi rifugiato, e per favore proteggete i loro diritti umani”. D’acchito, leggendo queste parole, uno potrebbe pensare che si tratta d’un accorato appello del Papa o di qualche prelato, di un “no global” o di un esponente dell’associazionismo “di sinistra”… E invece no, è una citazione dall’intervento del segretario dell’Onu Ban ki-moon durante un convegno, tenutosi a Roma alcuni giorni fa, sul tema della “città interetnica”[1].

Queste parole, nella loro immancabile vaghezza (che permette di astrarre dal contesto), suonano in effetti incredibili, pronunciate da un signore sud coreano[2] che dovrebbe sapere a menadito come mai arrivano in Italia così tanti “profughi” al giorno, visto che tre delle stesse potenze che dettano legge all’Onu, e che perciò gli garantiscono lo stipendio, sono le protagoniste dell’aggressione alla Libia. Aggressione coperta dalle solite motivazioni “umanitarie” già viste nella ex Jugoslavia, e che, almeno ufficialmente, volendo credere ad un rapporto di causa-effetto, sarebbe all’origine del continuo afflusso di “profughi” in Italia.

Diciamo “ufficialmente”, perché a rigor di logica ci si attenderebbe l’arrivo di “profughi” libici. Ma qua per la razionalità non vi è più posto, così per dare la misura dell’assurdità di quanto proferito da Ban ki-mon e di quel che ci vogliono far digerire, riportiamo un’altra citazione dal suo discorso: “Non solo l’Italia, ma anche paesi come Tunisia ed Egitto”… Ora, chiunque sa che questi “profughi” in arrivo a Lampedusa sono soprattutto tunisini, pertanto come faccia la Tunisia ad “accogliere” i tunisini stessi resta un mistero non meno insolubile di quello delle origini dell’universo[3].

Citiamo ancora dall’Ansa: “L’Italia è stata eletta membro del consiglio dei diritti umani dell’Onu ed è firmataria di numerose convenzioni sui diritti umani”. Ed è proprio questo il problema, perché mi risulta che gli Stati Uniti e il loro alleato Israele non abbiano mai firmato alcuna “convenzione” – non con-venendo affatto con gli altri -, né quella sulle armi nucleari, né quella sulla tortura ed il rispetto dei prigionieri; né riconoscono il Tribunale Penale Internazionale che di volta in volta, in ‘stile Norimberga’, mette alla gogna il ‘cattivo’ (sconfitto) di turno[4]. Insomma, una griglia fittissima, di obblighi, convenzioni, accordi (si fa per dire) stabiliti grazie a cessioni progressive di sovranità nazionale per le quali i nostri rappresentanti (?) non hanno mai ricevuto dal “popolo sovrano” (?) alcuna delega, e tutti ammantati da strati di retorica sui “diritti umani”, appositamente architettati per noialtri fessi tranne che per le vere “nazioni elette” del pianeta ed i loro dirigenti, che possono tranquillamente farsi un baffo dei vari “tribunali” che configurano una tirannia di tipo giudiziario[5].

Citiamo ancora il segretario dell’Onu perché davvero merita la ribalta: “Apprezziamo, nonostante le difficoltà, ciò che sta facendo il governo italiano per proteggere i diritti umani e dare assistenza a tante persone”.  Cosa siano questi “diritti umani”, se non sono quelli ad una casa senza svenarsi con mutui e prestiti presso enti privati usurai; ad un lavoro stabile, in sicurezza e retribuito in modo da garantire una vita dignitosa ad una famiglia quand’anche volesse mantenere la moglie a casa ad accudire i figli; ad un’istruzione gratuita o alla portata di tutti, i cui contenuti incoraggino l’elevazione spirituale e morale della persona; alla possibilità di ricevere cure professionali, a costi calmierati, preferibilmente secondo una medicina che consideri l’essere umano un tutto in armonia col cosmo e non una sorta di macchina da riparare coi ‘pezzi di ricambio’; cosa siano davvero, visto che nella retorica e negli intendimenti occidentali non corrispondono a tutto ciò, è davvero arduo stabilirlo.

Per di più, nell’essenziale, questi quattro diritti summenzionati sono garantiti – come già rilevato in passato[6] – proprio negli “Stati canaglia”, quelli che a turno vengono messi sotto pressione, embargati e aggrediti dall’Occidente. Ma si fa finta di non saperlo, raccontandosi che in tutto il pianeta i “diritti” per antonomasia sono quelli di “dire la propria” (compreso l’insulso “diritto di voto” a beneficio di candidati che una volta eletti non vedrai più al mercato a racimolare simpatia) e di sbandierare oltre i limiti della decenza e dello scandalo – sì, dello scandalo, termine quanto mai desueto – i propri “gusti sessuali”: per questo le campagne dirittumanofile vertono perlopiù sui “blogger” e i “gay”, – senza dimenticare “le donne” , “oppresse” per definizione! –  che verrebbero vessati dalla Cina alla Russia, dalla Siria all’Iran eccetera[7]. Poi, se dopo l’aggressione – preparata mediaticamente grazie al lavorio di questi paladini dei “diritti umani”, quando non si tratti di agenti camuffati, o tutt’e due insieme[8] – l’ex “Stato canaglia” diventerà un luogo in cui farsi una casa sarà l’impresa di una vita, sua e dei suoi parenti, avere un lavoro garantito sarà una chimera, formare una famiglia un’impresa ai limiti del temerario, essere curati un autentico miracolo (anche il pronto soccorso vien fatto pagare dove vigono i “diritti umani”!), ricevere un’istruzione per non morire abbrutiti comporterà l’indebitamento dei genitori; bene, tutto ciò non turberà affatto i sonni delle “anime belle”, poiché tale “danno collaterale” verrà ritenuto abbondantemente compensato dai “gay pride” e dal bla bla inconcludente su ogni cosa da parte di personaggi sulfurei ed inconsistenti che credono di poter esprimere la loro idea su ogni cosa perché s’intendono di tutto!

Forse però il signor Ban ki-moon è particolarmente impreparato sull’Italia e le condizioni in cui versa la sua popolazione, altrimenti avrebbe parlato in modo diverso… Gli italiani, a parte quelli con la “pancia piena” e gli altri da essi plagiati che pare si nutrano di “bei discorsi”, non ne possono più di vedersi fregare sistematicamente su tutta la linea, dal lavoro all’asilo, dalla casa popolare agli assegni familiari. Giusto ieri m’è capitato di parlare con un giovane di venticinque anni il quale è praticamente disperato perché anche per distribuire i volantini nelle cassette della posta le agenzie di “lavoro interinale” (v. sfruttatori legalizzati) preferiscono fare contratti (capestro) agli stranieri. Era letteralmente sconvolto, perché giorno dopo giorno scopre che la sua (?) classe dirigente lo sta ingannando, o meglio, sta lì appositamente a fare la guerra a quelli come lui, che sono la maggioranza, mentre i vari politicanti da tre soldi passano il tempo ad ingraziarsi minoranze vanitose, influenti e prepotenti d’ogni tipo, proprio per opprimere la maggioranza “normale”.

In poche parole Ban ki-moon è venuto a dirci che sebbene qua non vi sia più “trippa per gatti”, coi vari istituti di statistica che quotidianamente delineano un’Italia – specie giovanile – al collasso, ci possiamo permettere il lusso di dare “accoglienza” e “assistenza” a tutto il Nord Africa, ovviamente in nome dei “diritti umani”! Chissà com’è che Ban ki-moon non rileva alcuna violazione di questo feticcio della nuova religione mondiale parodistica che riduce tutto all’umano nell’aggressione ad uno Stato che non aveva fatto del male a nessuno! Che cosa pensi poi Ban ki-moon delle invasioni di Afghanistan ed Iraq, o dei bombardamenti israeliani del Libano è meglio non saperlo per non farsi venire direttamente un’ulcera. Siamo in effetti di fronte a personaggi senza scrupoli, che per compiacere i loro padroni farebbero anche bombardare i propri connazionali.

Il segretario generale dell’Onu, ritornando un minimo in sé e riferendosi finalmente ai libici, ha poi ricordato come mezzo milione di persone siano scappate attraverso il confine tunisino “in cerca di un posto più sicuro”. Ma va!? Da quando in qua un posto è sicuro se viene bombardato a tappeto? Ed ha aggiunto, questo distrattone: “Ho chiesto a tutti i leader della regione, ai paesi vicini alla Libia in Africa e ai punti d’entrata dei migranti in Europa, come Italia e Malta, di mantenere i confini aperti”. Non solo faranno questo, ma già in Europa – Italia compresa – si stanno impegnando a creare una sorta di “collocamento” nei Paesi nordafricani per selezionare a monte il “fabbisogno di manodopera”, così si capisce che al di là delle “posizioni antitetiche”, inscenate a beneficio del pubblico di gonzi, tutto questo arrivo di barconi rientra in uno spettacolo che deve innescare una serie di reazioni umorali, in un senso e nell’altro, quando invece si tratta di una sceneggiatura già scritta[9].

Quello che poi letteralmente ignoravo, e che scopro grazie all’ineffabile Ban ki-moon, è che le nostre città, nella neolingua di questi personaggi, fossero diventate degli “hub”[10]: ”Le citta’ sono hub, magneti, centri di azione dove si convive e si collabora” e ”nel 2030 cinque miliardi di persone vivranno nelle grandi città”. Quale tipo di città abbiano in mente Ban ki-moon e i suoi padroni è chiaro sin dal titolo del convegno in Campidoglio, “La Città interetnica”, pertanto prepariamoci ad una catena interminabile di destabilizzazioni, aggressioni e rapine ai danni di mezzo mondo, e non ad un futuro di rapporti pacifici tra i popoli, di equità e d’incoraggiamento, per ciascun popolo, a vivere sulla terra degli avi nel modo che più predilige. Macché, in nome dei “diritti umani” va in scena la seconda puntata del colonialismo, con la differenza, rispetto alla prima, che gli occidentali stavolta non vanno neppure più a “colonizzare” , ma anzi incoraggiano l’afflusso dei colonizzati nei paesi occidentali stessi, col risultato di una “società multietnica globale” senza volto e forma alla quale, successivamente, quando i veri pupari dell’operazione si sentiranno sufficientemente forti, verrà somministrata la religione parodistica invertita, di cui già si scorgono gli elementi costitutivi nei differenti dominî.

Ci sono “molte divisioni – è stata la considerazione finale di Banki-moon, che non ha lesinato le trite rievocazioni sull’Italia paese d’emigrazione – ma vedo una crescente realizzazione che siamo tutti nella stessa barca”. Sì, quella dell’Occidente – e dell’Italia, che ha avuto l’ardire di ospitarlo – che sta affondando giorno dopo giorno! Oppure il suo pensiero oramai atrofizzato e unidirezionale correva ai panfili dei vari paperoni che è aduso frequentare, neppure immaginando che la maggioranza tira la carretta, o meglio la barchetta – per proseguire la metafora nautica – con una fatica sempre più intollerabile… Eh già caro Ban ki-moon e chi ti sta a sentire con le labbra penzoloni: la maggioranza della stessa popolazione italiana si “barcamena” letteralmente, lo sai o non lo sai?

Il gran finale dell’intervento del signore sudcoreano è stato poi tra il tragico e il comico: ”Le Nazioni Unite – ha concluso – sono di per sé una città interetnica. Costruiamo un mondo che sia migliore per tutti”. Un discorso che fa acqua da tutte le parti, come la “barca” del mondo in cui lui e i suoi padroni ci stanno facendo naufragare.

 

 


[1] Ansa.it, 3 giugno 2011

(http://ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2011/06/01/visualizza_new.html_842381355.html).

[2] Si noti come il segretario dell’Onu, un ente mondialista creato – come l’antesignana Società delle nazioni –  per minare la sovranità delle nazioni e dare copertura “legalitaria” ad ogni tipo di soperchieria delle potenze “vincitrici” della Seconda guerra mondiale, venga sempre scelto tra nazionalità che non contano nulla: abbiamo così un egiziano (Butros Ghali), un peruviano (De Cuellar), un ghanese (Annan)… a svolgere servizievolmente il ruolo di commesso viaggiatore delle potenze mondiali.

[3] Ovviamente da un punto di vista scientista moderno, poiché l’Islam ha una spiegazione: “Ero un tesoro nascosto e volli essere conosciuto, pertanto creai la creazione”, riferisce un hadîth qudsî (tradizione profetica in cui Allâh parla per bocca del Suo Inviato), dal che si evince che la creazione (khalq), l’universo (al-‘âlam – “mondo” – della stessa radice di ‘ilm – “sapere”, “scienza”), sono il provvidenziale campo d’indagine offerto da Allâh all’uomo affinché possa ri-conoscere il suo Signore (“Conosci te stesso”…). Di qui – sia detto per inciso – si evince la pervicacia degli “scienziati” moderni, che pur indagando la creazione da un punto di vista esteriore, meccanicistico e quantitativo, non si “meravigliano” affatto di fronte al suo “miracolo” e non ne traggono la necessaria conseguenza che una perfezione simile, la perfezione del Tutto – del visibile e dell’invisibile – non può essere spiegata con i mezzi e i metodi d’indagine “razionale”.

[4] Hanno smesso di additare il presidente sudanese al-Bashir perché ora sono impegnati con Gheddafi, colpevole – ovviamente – di “crimini contro l’umanità”, che è quanto di più vago si possa affermare, poiché se le parole hanno un senso “crimine contro l’umanità” sarebbe anche l’assassinio di un singolo essere umano, mentre costoro si sbizzarriscono allegramente a giocare con termini quali “strage”, “massacro”, “genocidio”: l’uccisione, in tre settimane, di 1.400 palestinesi e il ferimento di altre migliaia da parte di Israele non rientra nelle suddette definizioni, e lo stesso dicasi per l’assalto in acque internazionali alla nave turca di aiuti in rotta per Gaza, ma il “bombardamento di civili”, per giunta già ammesso come falso, da parte della Libia basta e avanza per aggredire uno Stato sovrano che non ha minacciato nessun altro Stato.  Inoltre, adesso, i “giudici mondiali” possono divertirsi con la gogna all’ex generale dei serbi di Bosnia Mladic, visto che è in trattativa – previa l’imposizione, pardon, “accettazione”, delle condizioni capestro, pardon, ”riforme strutturali” – l’adesione della Serbia all’Unione Europea, alla Nato ecc. Non risulta tra l’altro che nessun altisonante “tribunale” abbia mai perseguito un solo atto di militari americani o britannici, bombe atomiche sul Giappone comprese.

[5] I “popoli eletti” chiaramente sono solo quelli che si autodefiniscono tali e che mettono in opera – con strumenti d’ogni tipo, soprattutto quelli  di carattere “culturale” – un’opera di convincimento dei “non eletti” a tributare loro un riverito ed eterno omaggio: si tratta essenzialmente dei sionisti, degli americani e degli inglesi (coi tedeschi infatuatisi per un certo periodo allo stesso modo), del cui ego collettivo spropositato han sofferto popoli certamente più civili di loro.

[6] E. Galoppini, Arrivano i diritti umani, si salvi chi può!, “Luci sulla città”, a. II, n. 5, mag.-giu. 2006 (http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=3821).

[7] In Iran vige la seguente legislazione: in base al Sacro Corano, per cui in natura esistono il maschio e la femmina, un omosessuale viene prima aiutato psicologicamente a prendere “consapevolezza” della sua condizione, poi, al termine del percorso, deve decidersi se essere maschio o femmina, e nel caso scelga di cambiare sesso procederà con una operazione chirurgica, non essendo ammesso il restare “coi piedi in due staffe”. Pertanto, com’ebbe a dire il presidente Ahmadinejad alla Columbia University alcuni anni fa, in Iran vi sono solo maschi e femmine.

[8] V. l’ultimo caso di “Amina”, la “blogger lesbica siriana oppressa”, rivelatosi l’ennesima pataccata; il che non servirà a far scoppiare di vergogna tutti quei farabutti che a causa di questo “crimine” già invocavano bombe sulla Siria. Nulla ferma la loro malafede: adesso sosterranno che comunque il blog raccontava cose “verosimili”!

[9] Si noti che i barconi pieni di “profughi” arrivano a Lampedusa, che è una sorta di avamposto italiano in terra d’Africa, e da lì trasferiti sul continente, pertanto – sceneggiata nella sceneggiata – non ha alcun senso tutto questo accalorarsi sulla “situazione a Lampedusa”, come se, una volta sistemata quella, il problema più grave di come sistemare tutte queste persone fosse finalmente risolto. Ci penseranno le agenzie di “lavoro interinale”? I preti? Le “anime belle”?

[10] Il termine viene solitamente utilizzato per gli scali aeroportuali maggiori e i grandi centri commerciali, da cui si evince la funzione meramente utilitaristica teorizzata dai fautori del “villaggio globale”, dove ogni città sarà un “luogo” come un altro consacrato al via vai di gente da ogni dove intenta al soddisfacimento di bisogni meramente materiali, per di più immaginati ovunque come i medesimi.

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 15 Giugno 2011 11:16)