Bahrain Hires US Company to Change Negative Image

Bahrain is seeking the help of a US-based public relations firm to change its image which was damaged after its brutal crackdown on peaceful anti-government protests in the country.

 The Manama government has hired Qorvis Communications in Washington DC for a monthly fee of $40,000 hoping the firm would improve the image of Al Khalifa’s monarchy, AllVoices.com reported. Kingdom of Saudi Arabia along with big companies like Adobe and Amazon.com are reportedly among the firm’s customers.

The Doctors Without Borders group was the first target of the firm. The group announced that its office in the Persian Gulf sheikhdom had been attacked by the Saudi-backed Bahraini forces and one of its employees had been arrested. The company slams the high profile humanitarian group in a statement for treating Bahrainis “without any license issued by the health ministry.”

 Tens of people were killed by Bahraini security forces during the crackdown on peaceful demonstrations and thousands have been arrested over charges of plotting against the monarchy. The brutality used by Saudi-backed Bahraini forces and the government’s infringement of human rights has severely been criticized by  Amnesty International and Human Rights Watch.

Advertisements

How 10,000 Protestors Multiply Overnight to be 500,000

The Hama Affair

By Pierre Piccinin

 

This July, I travelled to Syria, with the purpose of finding out for myself the origins of the present political conflict.

I was able to roam the country at liberty, from Dera, Damascus, Homs, Hama, Maraat-an-Numan, Jisr-al-Shigur, on the Turkish border, even Deir-ez-Sor, all places where the media had signalled outbursts of violence.

I was able to witness the different internal struggles, some of which were violent and had completely different objectives from those of the democratic pacifists. The Muslim Brotherhood, for example, seeks to bring about an Islamic republic, which in turn terrifies the Christians and most other minorities.

Yet, outside the scope of my research, I was surprised that the image of Syria, portrayed by the Western media as a country undergoing full scale revolution, does not correspond in any way whatsoever to the reality of the situation.

Indeed, the large-scale protest movements have run out of steam, this due in part to the repression, so that these days the protests only number a few hundred at most, usually focused around mosques, bearing the mark of Islamist influence.

Therefore, it is only in the city of Hama, cultural stronghold of the Muslim Brotherhood, under a state of siege, that full scale protests are to be found.

Centre of a violent revolt, in 1982, which was crushed by Hafez al-Assad, father of the incumbent President, Hama is today surrounded by heavy armor. This said, the government have decided against a bloodbath, for fear of repercussions from the international community.

On Friday 15 July, I entered Hama. Very quickly I found myself surrounded by the youths in control. Upon presenting my Belgian passport the situation calmed down: ‘Belgicaa! Belgicaa!’; as the only foreign observer on the ground, they escorted me through the protestors. The highlight of which was reaching the top of a high rise, from which I took a series of snapshots, revealing the extent of the debacle.

On Asidi square, at the bottom of the large El-Alamein Avenue, prayer had finished, to the sound of thousands of people appearing from all across the city, uniting under a shout of defiance ‘Allah Akbar!’

That same night on July 15, I received news feeds from the AFP announcing a million protestors all over Syria, of which 500,000 in Hama alone.

In Hama however, they could not have been more than 10,000.

This ‘information’ was even more absurd due to the fact that the city of Hama counts only 370,000 inhabitants.

Of course, there will always be a margin of error and numbers do vary with sources, estimations are never quite so straightforward.

Yet, in this case, it was not a simple estimation: this is blatant disinformation, propaganda at its finest. 500,000 protestors can shake the very foundations of a regime, 10,000 however are of no consequence.

Furthermore, all the ‘information’ regarding the Syrian situation has been twisted similarly for months now.

So what sources does AgenceFrancePresse (AFP) cite?

The same which crops up systematically throughout the media and has now become a monopoly in its own right, regarding the Syrian protests: the Syrian Observatory for Human Rights (SOHR).

Behind this superficial veneer of respectability and professionalism, hides a political organisation based in London, its president none other than Rami Abdel Raman, a man who has consistently sided against the Baath regime, who is loosely linked to the Muslim Brotherhood.

Therefore, for many months now, the Western media have diffused an edited reality, corrected by a single source which nobody has deemed it necessary, it seems, to question.

This portrayal of a Syria in full scale revolution and of a Baath party on the brink do not correspond in any way whatsoever to the reality of the situation; that the government hold control and what is left of the protests have in effect splintered and become considerably marginalized.

However, the consequences of this latest case of disinformation regarding Syria are far reaching: the lessons of Timisoara, the Gulf War or events in Yugoslavia haven’t been learned. Still, European media continue to be lured into basing reports on loosely assembled news reports and risk depicting a virtual reality for their readers/viewers.

Yet, when the media fail their duty of assembling genuine information, it is democracy itself which is in danger.

 

Pierre Piccinin is a professor of history and political science in Brussels.

 

 

Pakistani-Led Army Supports Bahrain’s Crackdown

Thousands of Pakistani soldiers will provide Bahrain with military backup to crackdown Bahrainis’ anti-government protests.

Many Pakistanis are reported to join Bahrain military forces since the uncommon advertisements of “urgent-requirement” started appearing in Pakistan media. The advertisement read:  “For service in Bahrain National Guard, the following categories of people with previous army and police experience are urgently needed,” a member of Bahrain National Guard said. At least 2,500 Pakistani troops came to Bahrain for helping Bahrain’s government, Al Jazeera reported.

 Saudi Arabian soldiers were the first foreign forces that moved to Bahrain and now Pakistani troops are supposed to aid crackdown protesters who seek equal rights after many years of tyranny. The Saudi Arabia- Pakistan common interest in the Middle East led Pakistani Prime Minister Yousuf Reza Gilani to support the Saudi stance in the Persian Gulf and the Middle East. He told Prince Bandar that Pakistan would stand by Riyadh for regional peace, Shia Post reported.

Pakistan exports its servicemen to foreign countries like Saudi Arabia, United Arab Emirates, and Bahrain while the country itself suffers from insecurity and violence and it needs its own troops to settle down peace within their country. Many poor Pakistanis join the army just for a job without paying attention to what they are supposed to do. But definitely the Pakistani government knows what is going on and the silence is not justifiable.

TRATTATO DI AMICIZIA, PARTENARIATO E COOPERAZIONE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA GRANDE GIAMAHIRIA ARABA LIBICA POPOLARE SOCIALISTA




PREAMBOLO

La Repubblica Italiana e la Grande Giamahiria Araba Libica Popolare Socialista, qui di seguito denominati “le Parti”, consapevoli dei profondi legami di amicizia tra i rispettivi popoli e del comune patrimonio storico e culturale;
decise ad operare per il rafforzamento della pace, della sicurezza e della stabilita, in particolare nella regione del Mediterraneo;
impegnate, rispettivamente, nell’ambito dell’Unione Europea e dell’Unione Africana nella costruzione di forme di cooperazione ed integrazione, in grado dì favorire l’affermazione della pace, la crescita economica e sociale e la tutela dell’ambiente;
ricordando l’importante contributo dell’Italia al fine del superamento del periodo dell’embargo nei confronti della Grande Giamahiria;
tenendo conto delle importanti iniziative già realizzate dall’Italia in attuazione delle precedenti intese bilaterali;
esprimendo la reciproca volontà di continuare a collaborare nella ricerca, con modalità che saranno concordate tra le Parti, riguardante i cittadini libici allontanati coercitivamente dalla Libia in epoca coloniale;
ritenendo di chiudere definitivamente il doloroso “capitolo del passato”, per il quale l’Italia ha già espresso, nel Comunicato Congiunto del 1998, il proprio rammarico per le sofferenze arrecate al popolo libico a seguito della colonizzazione italiana, con la soluzione di tutti i contenziosi bilaterali e sottolineando la ferma volontà di costruire una nuova fase delle relazioni bilaterali, basata sul rispetto reciproco, la pari dignità, la piena collaborazione e su un rapporto pienamente paritario e bilanciato;
esprimendo, pertanto, l’intenzione di fare del presente Trattato il quadro giuridico di riferimento per sviluppare un rapporto bilaterale “speciale e privilegiata”, caratterizzato da un forte ed ampio partenariato politico, economico e in tutti i restanti settori della collaborazione;
hanno convenuto quanto segue:

Capo I
PRINCIPI GENERALI

Articolo 1
Rispetto della legalità internazionale
Le Parti, nel sottolineare la comune visione della centralità delle Nazioni Unite nel sistema di relazioni internazionali, si impegnano ad adempiere in buona fede agli obblighi da esse sottoscritti, sia quelli derivanti dai principi e dalle norme del diritto Internazionale universalmente riconosciuti, sia quelli inerenti al rispetto dell’Ordinamento Internazionale.

Articolo 2
Uguaglianza sovrana
Le Parti rispettano reciprocamente la loro uguaglianza sovrana, nonché tutti i diritti ad essa inerenti compreso, in particolare, il diritto alla libertà ed all’indipendenza politica. Esse rispettano altresì il diritto di ciascuna delle Parti di scegliere e sviluppare liberamente il proprio sistema politico, sociale, economico e culturale.

Articolo 3
Non ricorso alla minaccia o all’impiego della forza
Le Parti si impegnano a non ricorrere alla minaccia o all’impiego della forza contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica dell’altra Parte o a qualunque altra forma incompatibile con la Carta delle Nazioni Unite,

Articolo 4
Non ingerenza negli affari interni
1. Le Parti si astengono da qualunque forma di ingerenza diretta o indiretta negli affari interni o esterni che rientrino nella giurisdizione dell’altra Parte, attenendosi allo spirito di buon vicinato.
2. Nel rispetto dei principi della legalità internazionale, l’Italia non userà, ne permetterà l’uso dei propri territori in qualsiasi atto ostile contro la Libia e la Libia non userà, né permetterà, l’uso dei propri territori in qualsiasi atto ostile contro l’Italia.

Articolo 5
Soluzione pacifica delle controversie
In uno spirito conforme alle motivazioni che hanno portato alla stipula del presente Trattato di Amicizia, Partenariato e Cooperazione, le Parti definiscono in modo pacifico le controversie che potrebbero insorgere tra di loro, favorendo l’adozione di soluzioni giuste ed eque, in modo da non pregiudicare la pace e la sicurezza regionale ed, internazionale.

Articolo 6
Rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali

Le Parti, di comune accordo, agiscono conformemente alle rispettive legislazioni, agli obiettivi e ai principi della Carta delle Nazioni Unite e della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.

Articolo 7
Dialogo e comprensione tra culture e civiltà
Le Parti adottano tutte le iniziative che consentano di disporre di uno spazio culturale comune, ispirandosi ai loro legami storici ed umani. Le iniziative suddette si ispirano ai principi della tolleranza, della coesistenza e del rispetto reciproco, della valorizzazione e dell’arricchimento del patrimonio comune materiale e immateriale nel contesto bilaterale e regionale.

Capo II
CHIUSURA DEL CAPITOLO DEL PASSATO E DEI CONTENZIOSI

Articolo 8
Progetti infrastrutturali di base

1. L’Italia, sulla base delle proposte avanzate dalla Grande Giamahiria e delle successive discussioni intervenute, si impegna a reperire i fondi finanziari necessari per la realizzazione di progetti infrastrutturali di base che vengono concordati tra i due Paesi nei limiti della somma di 5 miliardi di dollari americani, per un importo annuale di 250 milioni di dollari americani per 20 anni.
2. Le aziende italiane provvederanno alla realizzazione di questi progetti previo un comune accordo sul valore dì ciascuno.
3. La realizzazione di questi progetti avverrà nell’arco di 20 anni secondo un calendario temporale che verrà concordato tra le due Parti, libica ed italiana.
4. I fondi finanziari assegnati vengono gestiti direttamente, dalla Parte italiana.
5. La Grande Giamahiria rende disponibili tutti i terreni necessari per l’esecuzione delle opere senza oneri per la Parte italiana e le aziende esecutrici.
6. La Grande Giamahiria agevola la Parte italiana e le aziende esecutrici, nel reperimento dei materiali accessibili in loco e nell’espletamento di procedure doganali e di importazione esentandole dal pagamento di eventuali tasse. I consumi di energia elettrica, gas, acqua e linee telefoniche saranno pagati con l’esenzione delle tasse.

Articolo 9
Commissione Mista
1. E’ istituita una Commissione Mista paritetica, costituita da componenti designati dai rispettivi Stati. La Commissione Mista individua le caratteristiche tecniche dei progetti dì cui al precedente Articolo e stabilisce l’arco temporale complessivo e le cadenze di realizzazione dei progetti, nel quadro degli importi di ordine finanziario contenuti nello stesso articolo.
2. La Gran Giamahiria si impegna a garantire, sulla base di specifiche intese a trattativa diretta con società italiane, la realizzazione in Libia, da parte delle stesse, di importanti opere infrastrutturali, progetti industriali ed investimenti. I progetti vengono realizzati ai prezzi da concordare fra le Parti. Queste imprese, secondo le consuetudini esistenti, contribuiscono in maniera volontaria alle opere sociali ed alla bonifica ambientale nelle zone ove realizzano i loro progetti.
La Gran Giamahiria si impegna, inoltre, ad abrogare tutti i provvedimenti e le norme regolamentari che imponevano vincoli o limiti alle sole imprese italiane.
3. La Commissione Mista individua, su proposta della Parte libica, le opere, i progetti e gli investimenti di cui al paragrafo 2, indicando per ciascuno tempi e modalità di affidamento e di esecuzione.
4. La conclusione ed il buon andamento di tali intese rappresentano le premesse per la creazione di un forte partenariato italo-libico nel settore economico, commerciale, industriale e negli altri settori ai fini della realizzazione degli obiettivi indicati in uno spirito di leale collaborazione.
5. La Commissione Mista ha il compito di verificare l’andamento degli impegni di cui all’Articolo 8 e al presente Articolo e redige un processo verbale periodico che faccia stato degli obiettivi raggiunti o da raggiungere in relazione agli obblighi assunti dalle Parti contraenti.
6. La Commissione Mista segnala ai competenti Uffici degli Affari Esteri delle due Parti eventuali inadempienze, proponendo ipotesi tecniche di soluzione.

Articolo 10
Iniziative Speciali
L’Italia, su specifica richiesta della Grande Giamahiria, si impegna a realizzare le Iniziative Speciali sotto riportate a beneficio del popolo libico. Le Parti concordano l’ammontare di spesa complessivo per la realizzazione di tali iniziative ed affidano ad appositi Comitati Misti la definizione delle modalità di esecuzione delle stesse ed il limite di spesa annuale da impegnare per ognuna di esse ad eccezione delle borse di studio di cui al punto b).
a) La costruzione in Libia di duecento unità abitative, con siti e caratteristiche da determinare di comune accordo.
b) L’assegnazione di borse di studio universitarie e post-universitarie per l’intero corso di studi a un contingente di cento studenti libici, da rinnovare al termine del corso di studi a beneficio di altri studenti. Con uno scambio di lettere si precisa il significato di rinnovare, per assicurare la continuità.
c) Un programma di cure, presso Istituti specializzati italiani, a favore di alcune vittime in Libia dello scoppio di mine, che non possano essere adeguatamente assistite presso il Centro di Riabilitazione Ortopedica di Bengasi realizzato con i fondi della Cooperazione italiana,
d) Il ripristino del pagamento delle pensioni ai titolari libici e ai loro eredi che, sulla base della vigente nominativa italiana, ne abbiano diritto,
e) La restituzione alla Libia di manoscritti e reperti archeologici trasferiti in Italia da quei territori in, epoca coloniale: il Comitato Misto di cui all’articolo 16 del presente Trattato individua i reperti e i manoscritti che saranno, successivamente, oggetto di un atto normativo ad hoc finalizzato alla loro restituzione.

Articolo 11
Visti ai cittadini italiani espulsi dalla Libia
La Grande Giamahiria si impegna dalla firma del presente Trattato a concedere senza limitazioni o restrizioni di sorta ai cittadini italiani espulsi nel passato dalla Libia i visti di ingresso che gli interessati dovessero richiedere per motivi di turismo, di visita o lavoro o per altre finalità.

Articolo 12
Fondo sociale
1. La Grande Giamahiria si impegna a sciogliere l’Azienda Libico-Italiana (ALI) e a costituire contestualmente il Fondo Sociale, utilizzando i contributi già versati dalle aziende italiane alla stessa.
2. L’ammontare del Fondo Sociale sarà utilizzato per le finalità che sono state previste al punto 4 del Comunicato Congiunto italo-libico del 4 luglio 1998 per avviare la realizzazione delle Iniziative Speciali, di cui all’articolo 10 lettere b) e c) del presente Trattato, fino a concorrenza di tale ammontare. In particolare, potranno essere finanziati progetti di bonifica dalle mine e valorizzazione delle aree interessate, programmai di cura in favore di cittadini libici danneggiati dallo scoppio delle mine, nonché altre iniziative a favore dei giovani libici nel settore della formazione universitaria e post-universitaria, sino ad esaurimento del credito del Fondo Sociale. Quindi continuerà il finanziamento dalla Parte italiana, in attuazione del Trattato.
3. A tal fine, è istituito un Comitato Misto paritetico per la gestione dei Fondo Sociale secondo le modalità previste dal Comunicato Congiunto.
4. Definite le modalità di gestione dell’ammontare già costituito del Fondo Sociale e le iniziative da finanziare, le due Parti considerano definitivamente esaurito il Fondo Sociale.

Articolo 13
Crediti
1. Per quanto riguarda i crediti vantati dalle aziende italiane nei confronti di Amministrazioni ed Enti libici, le Parti si impegnano a raggiungere con uno scambio di lettere una soluzione sulla base del negoziato nell’ambito del Comitato Crediti.
2. Con il medesimo scambio di lettere, le Parti si impegnano a raggiungere una soluzione anche per quanto riguarda gli eventuali debiti di natura fiscale e/o amministrativa di aziende italiane nei confronti di Enti libici.

CAPO III
NUOVO PARTENARIATO BILATERALE

Articolo 14
Comitato di Partenariato e consultazioni politiche
1. Le due Parti imprimono nuovo impulso alle relazioni bilaterali politiche, economiche, sociali, culturali e scientifiche ed in tutti gli altri settori, con la valorizzazione dei legami storici e la condivisione dei comuni obiettivi di solidarietà tra i popoli e di progresso dell’Umanità.
2. Nel desiderio condiviso di rinsaldare ì legami che le uniscono, le due Parti decidono la costituzione di un Partenariato all’altezza del livello di collaborazione e coordinamento cui ambiscono sui temi bilaterali e regionali e sulle questioni internazionali di reciproco interesse. A tale scopo, le due Parti decidono quanto segue:
a) una riunione annuale del Comitato di Partenariato, a livello del Presidente dei Consiglio dei Ministri e del Segretario del Comitato Popolare Generale, da tenersi alternativamente in Italia e in Libia;
b) una riunione annuale del Comitato dei Seguiti, a livello del Ministro degli Affari Esteri e del Segretario del Comitato Popolare Generale per il Collegamento Estero e la Cooperazione Internazionale, da tenersi alternativamente in Italia e in Libia, con il compito di seguire l’attuazione del Trattato e degli altri Accordi di collaborazione, che presenterà le proprie relazioni al Comitato di Partenariato. Qualora una delle Parti ritenga che l’altra Parte abbia contravvenuto ad uno qualsiasi degli impegni previsti dal presente Trattato, richiederà una riunione straordinaria del Comitato dei Seguiti, per un esame approfondito e al fine di trovare una Soluzione soddisfacente.
c) il Comitato di Partenariato adotta tutti i provvedimenti necessari all’attuazione degli impegni previsti dal presente Trattato e le due Parti si adoperano per la realizzazione dei suoi scopi;
d) lo svolgimento di regolari consultazioni tra altri rappresentanti delle due Parti.

3. Il Ministro degli Affari Esteri e il Segretario del Comitato Popolare Generale per il Collegamento Estero e la Cooperazione Internazionale, ricevuta la segnalazione di cui all’Articolo 9 comma 6, si adoperano per definire una soluzione adeguata.

Articolo 15
Cooperazione negli ambiti scientifici
Le due Parti intensificano la collaborazione nel campo della scienza e della tecnologia e realizzano programmi di formazione e di specializzazione a livello post-universitario. Favoriscono a tal fine lo sviluppo di rapporti tra le università e tra gli Istituti di ricerca e di Formazione dei due Paesi. Sviluppano ulteriormente la collaborazione nel campo sanitario e in quello della ricerca medica, promuovendo i rapporti tra enti ed organismi dei due Paesi.

Articolo 16
Cooperazione culturale
1. Le due Parti approfondiscono i tradizionali vincoli culturali e di amicizia che legano i due popoli ed incoraggiano í contatti diretti tra enti ed organismi culturali dei due Paesi. Sono altresì facilitati gli scambi giovanili e i gemellaggi tra città ed altri enti territoriali dei due Paesi.
2. Le due Parti danno ulteriore impulso alla collaborazione nel settore archeologico. In tale ambito è altresì esaminata, da un apposito Comitato Misto, la problematica concernente la restituzione alla Libia di reperti archeologici e manoscritti.
Le due Parti collaborano anche ai fini della eventuale restituzione alla Libia, da parte di altri Stati, di reperti archeologici sottratti in epoca coloniale.
3. Le due Parti agevolano, sulla base della reciprocità, l’attività rispettivamente dell’Istituto Italiano di Cultura a Tripoli e dell’Accademia Libica in Italia.
4. Le due Parti concordano sulla opportunità di rendere le nuove generazioni sempre più consapevoli delle conseguenze negative generate dalle aggressioni e dalla violenza e si adoperano per la diffusione dì una cultura ispirata ai principi della tolleranza e della collaborazione trai Popoli.

Articolo 17
Collaborazione economica e industriale
1. Le due Parti promuovono progetti di trasferimento di tecnologie e di collaborazione industriale, con riferimento anche a iniziative comuni in Paesi terzi.
2. Sviluppano la collaborazione nei settori delle opere infrastrutturali, dell’aviazione civile, delle costruzioni navali, del turismo, dell’ambiente, dell’agricoltura e della zootecnia, delle biotecnologie, della pesca e dell’acquacoltura, nonché in altri settori di reciproco interesse, favorendo in particolare lo sviluppo degli investimenti diretti.
3. Esse sostengono le PMI e la costituzione di società miste.
4. Le due Parti si adoperano per concordare entro breve una Intesa tecnica in materia di cooperazione economica, scientifica e tecnologica nel settore della pesca e dell’acquacoltura e favoriscono Intese analoghe tra altri Enti competenti dei due Paesi.

Articolo 18
Collaborazione energetica
1. Le due Parti sottolineano l’importanza strategica per entrambi i Paesi della collaborazione nel settore energetico e si impegnano a favorire il rafforzamento del partenariato in tale settore.
2. Attribuiscono particolare rilievo alle energie rinnovabili ed incoraggiano la cooperazione tra enti ed organismi dei due Paesi, sia sul piano industriale che su quello della ricerca e della formazione.

Articolo 19
Collaborazione nella lotta al terrorismo, alla criminalità organizzata, al traffico di stupefacenti, all’immigrazione clandestina
1. Le due Parti intensificano la collaborazione in atto nella lotta al terrorismo, alla criminalità organizzata, al traffico di stupefacenti e all’immigrazione clandestina, in conformità a quanto previsto dall’Accordo firmato a Roma il 13/12/2000 e dalle successive intese tecniche, tra cui, in particolare, per quanto concerne la lotta all’immigrazione clandestina, i Protocolli di cooperazione firmati a Tripoli il 29 dicembre 2007.
2. Sempre in tema di lotta all’immigrazione clandestina, le due Partì promuovono la realizzazione di un sistema di controllo delle frontiere terrestri libiche, da affidare a società italiane in possesso delle necessarie competenze tecnologiche. Il Governo italiano sosterrà il 50% dei costi, mentre per il restante 50% le due Parti chiederanno all’Unione Europea di farsene carico, tenuto conto delle Intese a suo tempo intervenute tra la Grande Giamahiria e la ‘Commissione Europea.
3. Le due Parti collaborano alla definizione di iniziative, sia bilaterali, sia in ambito regionale, per prevenire il fenomeno dell’immigrazione clandestina nei Paesi di origine dei flussi migratori.

Articolo 20
Collaborazione nel settore della Difesa
1 Le due Parti si impegnano a sviluppare la collaborazione nel settore della Difesa tra le rispettive Forze Armate, anche mediante la finalizzazione di specifici Accordi che disciplinino lo scambio di missioni di esperti, istruttori e tecnici e quello di informazioni militari nonché l’espletamento, di manovre congiunte.
2. Si impegnano altresì ad agevolare la realizzazione. di un forte ed ampio partenariato industriale nel settore della Difesa e delle industrie militari.
3. In tale ambito, l’Italia sosterrà nelle sedi internazionali la richiesta della Libia di indennizzi per i danni subiti da propri cittadini vittime dello scoppio delle mine e per la riabilitazione dei territori danneggiati, con tutti gli Stati interessati.

Articolo 21
Collaborazione nel settore della non proliferazione e del disarmo
Le due Parti si impegnano a proseguire e rinsaldare la collaborazione nel settore del disarmo e della non proliferazione delle armi di distruzione di massa e dei relativi vettori e ad adoperarsi per fare della Regione del Mediterraneo una zona libera da tali armi, nel pieno rispetto degli obblighi derivami dagli Accordi e Trattati internazionali in materia.

Articolo 22
Collaborazione parlamentare e tra Enti locali

Le due Parti favoriscono lo sviluppo di rapporti tra il Parlamento italiano ed il Congresso Generale del Popolo della Grande Giamahiria, nonché tra gli Enti locali, nella consapevolezza della loro importanza per una più intensa ed approfondita conoscenza reciproca.

Articolo 23
Disposizioni finali

1. Il presente Trattato, nel rispetto della legalità internazionale, costituisce il principale strumento di riferimento per lo sviluppo delle relazioni bilaterali. Esso è sottoposto a ratifica secondo le procedure costituzionali previste dall’ordinamento di ciascuna delle Parti ed entra in vigore al momento dello scambio degli strumenti di ratifica.
2. Il presente Trattato sostituisce il Comunicato Congiunto del 4 luglio 1998 e il Processo verbale delle conclusioni operative del 28 ottobre 2002, che pertanto cessano di produrre effetti.)
3. A partire dal corrente anno, il giorno del 30 Agosto viene considerato, in Italia e nella Grande Giamahiria, Giornata dell’Amicizia italo-libica.
4. Il presente Trattato può essere modificato previo accordo delle Parti. Le eventuali modifiche entreranno in vigore alla data di ricezione della seconda delle due notifiche con le quali le Parti si comunicano ufficialmente l’avvenuto espletamento delle rispettive procedure interne.

LETTRE OUVERTE D’UN PRETRE ARABE DE SYRIE A ALAIN JUPPE, MINISTRE DES AFFAIRES ETRANGERES DE LA FRANCE

LETTRE OUVERTE D’UN PRETRE ARABE DE SYRIE A ALAIN JUPPE, MINISTRE DES AFFAIRES ETRANGERES DE LA FRANCE
Damas,Monsieur le Ministre, Prêtre arabe de Syrie, je viens d’apprendre à l’instant votre déclaration aux États-Unis, touchant la légitimité de notre Président de la République. En tant que syrien, je ne puis rester silencieux face à une telle ingérence dans les affaires de mon pays. Professeur d’Université, vous n’êtes pas censé ignorer que la légitimité d’un Président de République, dépend du consensus de son peuple uniquement, et non de l’arbitraire d’une puissance quelconque.Ministre des Affaires Étrangères d’un pays comme la France, vous êtes censé savoir que la Syrie est un État Souverain, membre fondateur des Nations-Unies. Mais, porte-parole grisé de certains maîtres du monde actuel, vous croyez pouvoir décider à volonté du sort des autres pays, dont la Syrie.

Laissez-moi vous dire, au nom des millions de victimes que l’Occident a écrasés depuis des siècles, qu’il est grand temps de cesser de jouer les monstres à face humaine, et de piétiner tous les droits des autres peuples, au point de détruire leur existence même, comme vous vous êtes plu à le refaire depuis des décennies, en Irak, en Iran, en Afghanistan, au Pakistan, dans toute l’Afrique, notamment en Lybie. Monsieur le Ministre, pour en revenir à la Syrie, oubliez-vous que le but dernier de toutes les manoeuvres politiques, diplomatiques et séditieuses, menées contre la Syrie, depuis plus de deux mois, a été insolemment dévoilé par la conseillère au Pentagone Mme Michèle Flournoy.

D’ailleurs, elle était tellement assurée de la réussite prochaine du complot mené contre la Syrie, qu’elle avait publiquement déclaré que la Syrie retrouverait tout son calme, le jour où elle romprait avec l’Iran et le Hezbollah, et signerait un traité de paix avec Israël! Ne seriez-vous donc, Célèbres Diplomates et Politiciens occidentaux, que les porte-paroles mesquins de la volonté israélienne? Auriez-vous déjà oublié, en France et en Europe, le grand honneur que vous a valu la Résistance à l’occupation nazie? Votre mémoire historique, écourtée ou effacée, devrait vous le rappeler! Fallait-il que les nazis prolongent leur occupation de la France et de l’Europe, pour que vous ressentiez jusqu’à ce jour l’injustice que subissent les autres?

Mais si, en tant que Ministre de cette France du Général De Gaulle, vous pouvez tourner allègrement le dos, et pour des raisons piteuses, à cet honneur historique, laissez-moi vous dire, en tant que simple citoyen syrien, que la Syrie n’acceptera jamais de tourner le dos au devoir vital de défendre son existence propre, d’abord contre l’occupation israélienne, ensuite contre le danger mortel que constitue le Sionisme, pour toute la nation arabe.

Cependant, il semble que l’Occident tient à rester l’Occident, alors qu’il ne l’est plus. Je m’explique. Hypothéqué par un passé colonial, lourd, très lourd même d’occupations sanglantes, de guerres criminelles, de transferts inhumains de populations entières, de vols systématiques des pays dominés, du Proche à l’Extrême-Orient, d’Afrique et d’Australie, de découpages arbitraires et piégés à long terme, de populations et de pays, d’exterminations en règle des populations autochtones, notamment sur tout le continent américain, ainsi qu’en Océanie, l’Occident s’est toujours laissé emporter par un appétit de domination, sans frein … C’est pourquoi, tout en piétinant tous les droits, comme vous cherchez à le faire en Syrie, vous n’avez jamais éprouvé la moindre honte à prétendre toujours être dans votre droit. Car le fort ne se trompe jamais!

Mais, Messieurs les Européens, il se trouve qu’effectivement vous êtes passés du rôle de maîtres à celui de valets. En effet, prétendez-vous ignorer que toute l’Europe se traîne désormais à la remorque des États-Unis? Cela n’est plus un secret pour personne. Et vous n’ignorez certainement pas les nombreux penseurs européens, qui ne cessent de crier à l’urgence de libérer l’Europe du “piège américain”. Mais il se trouve aussi que les États-Unis sont à leur tour victimes d’un autre piège, celui du tout-puissant lobby israélien. Qu’il me suffise de vous rappeler ce qu’ont écrit Noam CHOMSKY, Paul FINDLEY, Stephen WALT et John MEARSHEIMER, pour vous éviter d’essayer d’échapper à cette amère conclusion. Ne seriez-vous donc en Europe, que les valets des valets du Sionisme?

Monsieur le Ministre, Avouez que l’Occident, si puissant soit-il, a perdu tout crédit. En effet, en haut-lieu, c’est-à-dire, aux Nations-Unies, au Conseil de Sécurité, ainsi que dans les autres Institutions soi-disant Internationales, il s’est avéré que dès qu’il s’agit de pays nonoccidentaux, les représentants de l’Occident, surtout ceux des États-Unis, se pavanent comme des lions. Ils se permettent toutes sortes d’ingérences, allant jusqu’à détruire des pays entiers, de fond en comble. Rappelez-vous au moins l’Afghanistan, l’Irak et maintenant la Lybie. Et tout cela au nom de “la Démocratie, de la Dignité et des Droits de l’homme”.

Mais dès qu’il s’agit d’Israël, tous les pays occidentaux sans exception, des plus “grands” aux plus “petits”, les États-Unis en tête, deviennent rien moins que des néants. Des néants aveugles, sourds et muets! Et pourtant, même les sondages faits en Europe reconnaissent qu’Israël est l’État terroriste par excellence. Bien plus, qu’il constitue la plus grande menace pour la paix du monde. Terroriste, Israël l’a été bien avant sa création en 1948. Et si vous en avez le moindre doute, je vous réfère au livre terrible d’un historien français, juif et sioniste, du nom de Charles ENDERLIN. Son titre dévoile bien son contenu : “par le feu et par le sang” (Paris 2008).

Et Israël est resté fidèle à lui-même : tueur, voleur, guerrier, féroce, arrogant, raciste, expansionniste et exterminateur. Pourtant les juifs ont toujours été bien traités en pays arabes et musulmans. Leurs historiens sont assez honnêtes pour le reconnaître. Mais ils ont trouvé moyen de faire payer la terrible facture de l’antisémitisme occidental et de l’holocauste nazie, à tous les peuples arabes et musulmans, dont ils avaient, depuis Ben Gourion, calculé la destruction, tout en imposant un Holocauste de 60 ans déjà, aux arabes, chrétiens et musulmans, de Palestine.

Monsieur le Ministre, Je me dois de vous poser une dernière question : Ministre des Affaires Étrangères d’un pays comme la France, qui se prétend farouchement attachée à sa laïcité, comment justifiez-vous le support inconditionnel qu’elle apporte à un pays qui se veut uniquement juif? Pour finir, laissez-moi, en prêtre catholique, vous présenter mes condoléances pour l’Église de France, qui me semble bel et bien morte, pour avoir gardé si longtemps un silence criminel, face aux désastres incessants que ne cesse de commettre l’Occident, aux niveaux du monde arabe et musulman, et en conséquence, aux dépens de l’existence de leurs chrétiens autochtones, dans le seul but de permettre à Israël de vivre! Comme le Pape Jean-Paul II avait raison, quand il avait un jour, en visite en France, commencé son discours par cette interrogation : “France … France, où est ton baptême?!”.

De grâce, Monsieur le Ministre, un peu plus d’honnêteté et de dignité!

Pr. Elias Zehlaoui

PERE ELIAS ZEHLAOUI EST TRES ACTIF DANS LA DEFENSE DE LA SYRIE ET DES PALESTINIENS. C’EST EN PLUS LE FONDATEUR ET DIRECTEUR DE LA “CHORALE DE LA JOIE” qui compte 500 choristes et il est très actif dans le domaine du dialogue islamo-chrétien

Breivik il sionista

Maurizio Blondet 26 Luglio 2011

Lunedì 18 luglio, ad Oslo, il ministro degli Esteri Jonas Gahr Store ha ricevuto Mahmoud Abbas, il capo dell’Autorità Palestinese, rendendo chiara e definitiva la volontà del governo norvegese di riconoscere la Palestina come Stato. Al rappresentante palestinese in Norvegia è stato ricoinosciuto lo status di ambasciatore.

È una mossa a cui Israele è estremamente ostile. Benchè l’aspirazione della Palestina a dichiararsi unilateralmente Stato sia appoggiata da molti Paesi del Terzo Mondo e dell’America Latina, la Norvegia è l’unico Stato europeo a farlo.

Il 19 luglio, martedì, Eskil Pedersen, il leader del movimento giovanile del partito laborista norvegese (AUF) rilascia dichiarazioni che il giornale Dagbladet pubblicherà il giorno dopo, mercoledì 20:

Eskil Pedersen

   Eskil Pedersen insieme al primo ministro norvegese Stoltenberg durante i funerali

«È giunto il momento di attivare misure più severe contro Israele» per il suo trattamento dei palestinesi, dice Pedersen: «Il processo di pace non va da nessuna parte, il mondo intero aspetta che Israele si degni di conformarsi, ma non lo fa. Perciò noi della Gioventù Laburista vogliamo un embargo economico unilaterale della Norvegia contro Israele».

Il movimento giovanile norvegese, spiega Dagbladet, ha attivamente promosso la campagna internazionale di boicottaggio contro Israele (per le atrocità commesse a Gaza). Adesso, nel suo ultimo congresso, ha chiesto al governo norvegese di imporre un embargo unilaterale, più stretto di prima.

«So che è una misura drastica», dice Pedersen, «ma secondo me dà un chiaro segnale che siamo stanchi del comportamento israeliano». (Dialog nytter ikke, Jonas)

Il 22, venerdì, Anders Behring Breivik fa esplodere un potentissimo ordigno alla libanese presso i palazzi governativi di Oslo, e poco dopo, armato di mitragliatore militare e chili di proiettili, compie il suo massacro sull’isola di Utoya, sterminando quella gioventù laburista così esplicita nella denuncia della doppiezza e crudeltà israeliane.

Come anti-islamico, Breivik avrebbe potuto fare una strage in una moschea: del resto era proprio venerdì. Invece ha usato il suo armamento bellico per massacrare i membri del partito inviso ad Israele.

Breivik si è comportato come un perfetto Manchurian Candidate, attivato da un qualche segnale. Ma si sa, i candidati manciuriani, che una manipolazione cerebrale ha reso robot letali pronti a scattare dopo anni di normalità, esistono solo nei film. Non siamo complottisti, suvvia, non facciamoci deridere.

Gilad Atzmon

   Gilad Atzmon

È per me motivo di ammirazione e d’onore constatare che il primo a sfidare la derisione, e a ventilare nell’eccidio norvegese una risposta israeliana alla decisione filo-palestinese del governo di Osllo, è stato Gilad Atzmon. Sappiamo chi è Atzmon: musicista di livello, saggista, nato in Israele, ha scelto di vivere a Londra avendo aperto gli occhi sulla natura anti-umana dello Stato ebraico, e dove cerca di aprire gli occhi a tutti noi. È stato anche soldato d’Israele, conosce i metodi e i machiavelli del sistema, e dunque ha sùbito visto nella strage norvegese la mano ebraica.

«Da ammiratore di Israele qual è, Behring Breivik sembra aver dato ai suoi compatrioti lo stesso trattamento che lIsraeli Defense Force riserva ai palestinesi», ha scritto. (Was the Massacre in Norway a reaction to BDS?)

Filo-ebreo entusiasta, Breivik si manifesta in più parti del suo verboso testamento ideologico (1.500 pagine) in inglese:

«Quando qualcuno mi chiede se sono un nazional socialista, sono profondamente offeso. Se cè una figura storica che odio è Adolf Hitler (…)».

E come mai Breivik odia Hitler? Ecco la sua risposta:

«Hitler aveva le capacità militari per liberare Gerusalemme dalloccupazione islamica. Avrebbe potuto giungere ad un accordo con il Regno Unito e la Francia per liberare le antiche terre giudeo-cristiane allo scopo di restituire agli ebrei la loro culla ancestrale… Gli ebrei avrebbero guardato ad Hitler come ad un eroe, per aver ridato loro la terra santa».

Pù avanti:

«Coloro che disapprovano il diritto di Israele ad esistere sono o antisemiti, o sono disennati. Chi ha un po di senno dovrebbe sostenere il sionismo (nazionalismo israeliano) che è il diritto di autodifesa di Israele contro il Jihad».

Una frase che potrebbe essere uscita dalla penna di Fiamma Nirenstein. O forse dalla centrale di propaganda che indottrina l’uno e l’altra.

Ma ecco i consigli di Breivik a chi vuol essere un vero conservatore:

«Studiate Otto von Bismarck, non Adolf: il primo è stato il precursore della destra moderna, il secondo della sinistra. Studiate il Risorgimento italiano (che fu un vasto movimento di rinascita nazionale e non il complotto di una piccola elite, come dicono i libri) e unalleanza fra la destra aristocratica (il conte di Cavour e re Vittorio Emanuele) e la Sinistra rivoluzionaria (Garibaldi). Guardate alla rinascita della Turchia per opera di Ataturk… Irlanda e Israele hanno avuto le lotte nazionaliste da cui possiamo imparare molto: in ciascun caso, un pugno di visionari ha sollevato intere nazioni, dopo secoli, o anche millenni di oppressione… Dunque combattiamo insieme ad Israele, a fianco dei nostri fratelli sionisti contro tutti gli anti-sionisti, contro tutti i marxisti-multiculturalisti». (The Norway Shooter’s Support for Zionism: In His Own Words)

Chi sa da quali logge fu ideato e sostenuto il Risorgimento, e chi sa che i nazionalisti turchi di Ataturk erano in realtà Donmeh cripto-ebraici (come ho modestamente documentato nel mio Cronache dellAnticristo) può intuire quali ambienti abbiano indottrinato il giovanotto. E ha imparato con profitto, essendo in grado di ripetere praticamente a memoria il verbo ufficiale sulla spontaneità dei nazionalismi europei del 19° secolo (lo stesso che ripete, per dire, Napolitano o Ciampi)… Evidentemente, il pluriassassino non ha frequentato la Loggia Soilene di Oslo solo per farsi fotografare col grembiulino e stringere relazioni d’affari.

Atzmon ci informa che Breivik è sicuramente stato un lettore di un blog norvegese, documentato, «che è diretto da Hans Rustad, un ex giornalista di sinistra. Runstad è ebreo, sionista sfegatato, e continuamente lancia l’allarme contro la islamizzazione, la violenza e gli altri problemi sociali che secondo lui sono dovuti allimmigrazione musulmana».

Anche questa biografia è consueta. Quanti ne abbiamo conosciuti in questi anni, di ebrei di sinistra, troztkisti spesso, che sono diventati di destra (in coincidenza col passaggio a destra della maggioranza israeliana, una volta laborista) e ogni giorno ci incitano a difendere «la civiltà occidentale», a riscoprire «le nostre radici giudeo-cristiane» e dunque ad arruolarci alla crociata contro l’Islam che minaccia di fare dell’Europa una Eurabia?

In America sono l’influente legione dei neocon, dei Kagan e dei Kristol (figli o nipoti di trotzkisti russi fuoriusciti) gli Horowitz, i Wolfowitz, i Muravchik, i Perle, i membri dell’American Enterprise; in Italia basterà fare i nomi di Giuliano Ferrara – figlio del numero 2 del PCI sovietizzato, oggi ateo devoto – e della stessa Nirenstein: da giovane, se l’avesse avuta vinta, avrebbe portato l’Italia nella sfera sovietica, oggi organizza Amici di Israele nel Parlamento italiano su posizioni a destra di Netanyahu.

Atzmon ci informa che questa rete è ancora più grande: cita per esempio siti e riviste come FrontPage Magazine, il britannico Harrys Place, Daniel Pipes, e molti altri che diffondono il verbo dell’islamofobia e della crociata per l’Europa cristiana; e non si limitano a scrivere e a parlare: cercano di fare adepti e di infiltrarsi nelle file dell’estrema destra marginale, che in Europa è fatta di gruppi piccoli, ma sempre pronti a passare all’azione violenta.

Julian Kossoff

   Julian Kossoff

Julian Kossoff, giornalista ebreo britannico, deplora e denuncia sul Telegraph l’infiltrazione di militanti sionisti nella English Defense League e nel National Front: nella prima, si sarebbe formata persino una «divisione ebraica» che partecipa alle manifestazioni dei fascistelli inglesi, e alle angherie che questi gruppi compiono contro gli immigrati musulmani, con le bandiere di Israele. Kossof si domanda cos’hanno da spartire degli ebrei con questi «teppisti da tifoseria»: ingenuo snob. Si può ricavare molto manipolando dei teppistelli che nulla capisono delle operazioni astute ed acute indotte dal Mossad.

Ed evidentemente, è giunto un ordine generale di abbandonare lo snobismo ebraico, turarsi il naso e affiancare (e forse pagare) questi teppisti, utili idioti anti-islamici. (The English Defence League, the Jewish division and the useful idiots)

Ora si sa che Breivik aveva degli agganci a Londra, in quei precisi ambienti infiltrati dai sionisti di destra. (Hunt for Britons linked to Norway killer Anders Behring Breivik)

Il tomo di 1.500 pagine scritto da Breivik in inglese, e da lui spedito via e-mail a 5.700 persone poche ore prima di compiere la strage, è del resto datato London 2011. E si apprende che Breivik era in continuo e cordiale contatto web e personale con almeno 150 esponenti dello English Defense League. La divisione ebraica? (Norway killer Anders Behring Breivik had extensive links to English Defence League)

Isaak Nygren

   Isaak Nygren

Ora, i giornali svedesi rivelano che un’ora prima di sterminare, Breivik ha inviato una mail a tale Isaak Nygren, esponente di spicco degli Sweden Democrats, movimento anti-islamico in crescita politica. Nygren, guarda caso, è ebreo. Brevik apparentemente era un suo buon amico, anche se Nygren, raggiunto dai giornalisti svedesi in un kibbutz israeliano dov’è andato in vacanza militare, lo nega. (Tidigare SD-medlem chockades av mejlet från mördaren)

David Horowitz

   David Horowitz

Gilad Atzmon riferisce inoltre di un furente articolo anti-norvegese, che David Horowitz, esponente neocon americano molto influente, ha scrittro e postato sul suo sito FrontPage un giorno prima che il Manchurian Candidate si attivasse per lo sterminio. L’articolo appare una giustificazione preventiva dell’eccidio. Il titolo già dice il tono: I Quisling di Norvegia.

Svolgimento: «Appoggiando la richiesta di Abu Mazen di riconoscere la Palestina come Stato, il governo norvegese si è comportato come Quisling, il capo di governo filo-hitlerianno che negli anni30 portò la Norvegia a fianco del Terzo Reich. Un governoantisemita’», infuria Horowitz, «che ha capeggiato la campagna di disinvestimento e di boicottaggio economico contro Israele…». (Massacre in Norway– More About the Jewish Right Wing Connection)

Un governo multiculturalista, influenzato dagli immigrati islamici, che merita una punizione.

Una posizione che è riecheggiata da un sito israeliano, in ebraico, e di cui Gilad Atzmon ci traduce qualche commento: (http://rotter.net/forum)

«I criminali di Oslo hanno pagato».

«È stupidità e malvagità non desiderare la morte per coloro che invocano il boicottaggio di Israele».

Ed infine un commento illuminante:

«Anche i membri della Gioventù Hitleriana uccisi nei bombardamenti della Germania erano innocenti. Piangiamo pure sui terribili bombardamenti messi a segno dagli Alleati… ma qui abbiamo una banda di odiatori di Israele che si riuniscono in un Paese che odia Israele in una conferenza che appoggia il boicottaggio. Sicchè non è bello latto in sè, e noi lo condanniamo… ma piangere per loro? Suvvia. Noi ebrei non siamo cristiani. Nella religione ebraica non cè alcun obbligo di amare il nemico».

Ottima spiegazione del perchè il concetto di giudeo-cristianesimo è un falso ideologico, diffuso a scopi propagandistici dalla nota centrale – e che anche in Vaticano si sono bevuti. Ma forse, solo per scongiurare un attentato islamico di Al Qaeda in Vaticano?

Resta il fatto che in Israele ci sono tutti i mezzi, e tutta la mentalità, non solo per desiderare la morte dei boicottatori, ma anche di provocarla attivamente, magari per mezzo di un Manchurian Candidate.

Gordon Duff, che è un ex marine, sostiene nel suo blog che «una auto-bomba reca sempre la firma di una agenzia di intelligence». (The Second Tragedy is the Lies)

Gilad Atzmon definisce Beivik un «Sabbath Goy». Così vengono chiamati, in Israele e nel talmudismo, i gentili di basso livello sociale che vengono assoldati come servi dai pii ebrei per compiere i modesti lavoretti che un pio ebreo non può fare di sabato.

«Nella realtà sionizzata in cui tragicamente viviamo, il Sabbath Goy uccide per conto dello Stato ebraico. E può farlo persino volontariamente», conclude Atzmon.

Norway, the Newest Victim of Islamophobia

When the news about the terrorist attacks in Norway which left more than 92 people dead and many injured, shocked the world, the speculations about potential suspects also began to soar.

Not surprisingly, the majority of the western media’s initial report on the attacks linked it with Islamist extremism, suggesting an Islamist terrorist group might have been behind the violent incidents.

Colin Randall in The National writes that Le Figaro which is a conservative French newspaper reported that speculations on the identity of the culprits “turned logically” towards Islamist terrorists.

The BBC and Sky News followed the suit and continued with the Islamophobic commentaries, with their correspondents and experts telling the audience that the violent attacks were carried out by al-Qaeda operatives.  They explained to people that Norway was targeted because of it being a member of NATO and even that the Norwegian Jihadist had plans to attack New York and London subways through their international links!

Despite the emerging evidence that suggested the attacker was a blond Norwegian, the largest UK tabloid, the Sun did not give up  spreading Islamophobia by  a report on an “‘Al-Qaeda’ Massacre” in Norway, published on its front page. It said “the Norwegian ethnicity of the alleged perpetrator suggested that he was a local convert.”

The New York Times, another western outlet, attributed the bombing to a Jihadist group that never existed. Later the NY Times tried to cover up the lies they fed to the public earlier:

“Initial reports focused on the possibility of Islamic militants, in particular Ansar al-Jihad al-Alami, or Helpers of the Global Jihad, cited by some analysts as claiming responsibility for the attacks. American officials said the group was previously unknown and might not even exist.

There was ample reason for concern that terrorists might be responsible. In 2004 and again in 2008, the No. 2 leader of Al Qaeda, Ayman al-Zawahri, who took over after the death of Osama bin Laden, threatened Norway because of its support of the American-led NATO military operation in Afghanistan.

Terrorism specialists said that even if the authorities ultimately ruled out Islamic terrorism as the cause of Friday’s assaults, other kinds of groups or individuals were mimicking Al Qaeda’s brutality and multiple attacks.”

This is how they justified spreading the false reports and speculations during the first hours after the attacks. At the end of this cover-up, NY Times quoted Brian Fishman who was introduced as a counterterrorism researcher at the New America Foundation in Washington as drawing an irrelevant conclusion:

“One lesson I take away from this is that attacks, especially in the West, are going to move to automatic weapons,” Fishman is quoted.

Other mainstream media also either tried to justify their false interpretations or removed their previous posts!

But as the reality began to surface, the story the mainstream media were spreading was proved wrong. It was disclosed that the suspect was a 32 Norwegian man with far-right pro-Israel and anti-Muslim thoughts who, in his own words, wanted to save Europe from Islamization. That is why he pleaded not guilty despite admitting the responsibility for the terrorist attacks, saying what he did was necessary.

 Breivik was said to belong to a Swedish neo-Nazi internet forum. He reportedly was a supporter on the anti-Islam PVV movement of Geert Wilders in the Netherlands. In his confessions after arrest, Breivik has claimed being linked to the English Defense League (EDL) which also has Islamophobic positions.

His anti-Muslim and anti-multiculturalism ideas and beliefs can easily be seen in the comments he made in a document titled “2083: A European Declaration of Independence”. Here are some of his comments:

-For me it is very hypocritical to treat Muslims, Nazis and Marxists differ. They are all supporters of hate-ideologies…(page 2-3)

-What is globalization and modernity to do with mass Muslim immigration?

-Can you name ONE country where multiculturalism is successful where Islam is involved? The only historical example is the society without a welfare state with only non-Muslim minorities (U.S.)…(page 7)

He then says in the book that he follows the Vienna School of Thoughts, which opposes multiculturalism and Islamization, and describes it:

“To sums up the Vienna school of thought:

-Cultural Conservatism (anti-multiculturalism)

-Against Islamization

-Anti-racist

-Anti-authoritarian (resistance to all authoritarian ideologies of hate)

-Pro-Israel/forsvarer of non-Muslim minorities in Muslim countries

– Defender of the cultural aspects of Christianity

– To reveal the Eurabia project and the Frankfurt School (ny-marxisme/kulturmarxisme/multikulturalisme)

– Is not an economic policy and can collect everything from socialists to capitalists…”(page 20)

He adds in his manifesto that other cultural conservatives should be influenced so that they “come to our anti-rasistiske/pro-homser/pro-Israel line.” (Page 41)

Bruce Bawer, whose ideas had influenced Breivik, stated that the manifesto can be divided into two halves. In the first half Breivik “indicts the European cultural elite for permitting Islam to take root in Europe”, and in the second half he “outlines in extreme detail how he and his fellow anti-jihadists can acquire weapons, ammunition and body armor and thereupon proceed to use ‘terror as a method for waking up the masses’ to the danger posed by Islam.”

The recent rise of the far-right in Europe is one of the reasons behind Breivik’s horrible decision to kill his countrymen.

According to the CNBC.Com, “On February 4, 2011, several thousand supporters of the English Defense League (EDL), a far-right group which purports to oppose ‘Islamic Extremism in the UK’, gathered in the town of Luton, some 30 miles north of London…. the town reportedly played host to activists from Europe – including established groups from Denmark, France and Germany, and newer ones, from Norway, Sweden and the Netherlands.”

In June 2010, Geert Wilders, a notorious anti-Islam campaigner in the Netherlands, won 24 seats in the Dutch parliament and in September the Swedish far-right party, the Sweden Democrats surprisingly gained 20 seats in parliament.

Same year in October, “German Chancellor Angela Merkel said in a speech to a conference of junior Christian Democrats that the country’s ‘multikulti’, or multiculturalism, had ‘utterly failed'”.

France also implemented anti-immigration and anti-Muslim policies by deporting Roma population from the country and by banning women from wearing full-face veils in public places.

It can be concluded to a great extent, that the increase in Islamophobic and anti-multiculturalism and anti-immigration rhetoric used in the mainstream media has paved the way for violent actions to erupt. It gives confidence to people with ideas like Breivik’s and makes them believe that using violence would be justified to prevent the society from what they consider as going the wrong way.

David Lea, European analyst at political risk consultancy Control Risks also believes that the extremist policies taken by European governments to an extent create the political atmosphere in which people like Breivik can operate.”I think it shifts the center of the political discourse in a country sufficiently to create the room for outliers, who can then attract support on the basis of what they write on the internet,” he to the CNBC.

Any time a terrorist activity is reported from a European state, finger of suspicion are first directed towards the Muslim population in the country; this is a result of Islamophobia and also a cause of it and it breeds nothing but resentment, violence, fear, and suspicion.

Europeans will hopefully see less of cases like Breivik’s if their governments understand that implementing extremist laws and spreading extremist ideas that target a group of the society only gives way to violence.

Il massacro del 22 Luglio: Norvegia e Israele

María José Lera e Ricardo García Pérez – Rebelión

Traduzione: Europeanphoenix.com

Il massacro commesso il 22 Luglio in Norvegia si è sviluppato in un contesto che merita attenzione. Ci sono stati due attentati, uno contro la sede del governo e un altro nell’isola di Utoya, con una differenza di due ore tra i due. Nell’isola di Utoya si celebrava un campo-riunione della Lega Giovanile dei Lavoratori del Partito Laburista (Arbeidaranes Ungdomsfylking, AUF secondo le sue sigle norvegesi) il cui rappresentante, Eskil Pedersen, è uno dei difensori più importanti del boicottaggio di Israele in Europa, e con posizioni di grande importanza.

 

Boicottare Israele

L’implicazione della Norvegia nel boicottaggio di Israele è fondamentale. Il boicottaggio universitario venne guidato da una delle istituzioni accademiche più importanti della Norvegia, l’Università di Bergen, che ha l’intenzione di imporre un boicottaggio accademico contro Israele per un comportamento che qualifica simile a quello dell’apartheid (YNET, 24 gennaio 2010); la accompagnò il rettorato dell’Università di Trondheim, dove venne si discusse e votò se unirsi o meno al boicottaggio accademico contro Israele.

Soltanto alcuni mesi fa, in aprile, questo boicottaggio universitario diede i suoi frutti e lo stesso Alan M. Dershowitz si trovava in Norvegia e si offrì di impartire conferenze su Israele nelle tre università più importanti, sebbene tutte rifiutarono la sua offerta, nonostante fossero stati invece invitati lì Ilan Pappé o Stephen Walt. Il reclamo di Desrhowitz contro il «boicottaggio della Norvegia degli oratori pro-israeliani» si può trovare nel seguente collegamento: http://soysionista.blogspot. com/2011/04/el-boicot-de- noruega-los-oradores-pro.html.

Il Ministro degli Affari Esteri del Norvegia, Jonas Gahr Støre, disse quanto segue il giorno precedente il massacro: “L’occupazione deve terminare, il muro deve essere demolito e bisogna pretenderlo ora»… e lo fece nello stesso campo dove è avvenuta la strage (fonte: http://tinyurl.com/3zhsj4w).

Nella foto: La AUF chiede di boicottare Israele. Jonas Gahr Store, Ministro degli Affari Esteri della Norvegia, è stato ricevuto giovedì nel campo estivo della AUF che si teneva a Utoya, dove ha affermato che la Norvegia vuole riconoscere lo Stato palestinese. 


Mercoledì scorso Eskil Pedersen ha affermato che la Lega Giovanile dei Lavoratori (AUF) vuole che la Norvegia imponga un embargo economico unilaterale a Israele.

La Lega Giovanile dei Lavoratori avrà una politica più attiva nel Vicino Oriente e dobbiamo riconoscere la Palestina. ‘Il denaro solo è denaro”, ora dobbiamo spingere il processo di pace verso un’altra strada”, ha dichiarato Pedersen. Le azioni di BDS (boicottaggio, disinvestimenti e sanzioni) sono state appoggiate nel gennaio del 2006 dal Ministro dell’Economia (http://www.elreloj.com/ article.php?id=16385) e sono state rese effettive nel ritiro di investimenti. Concretamente, il 23 di agosto del 2010 la Norvegia comunicò che il Fondo Petrolifero Norvegese (Norway Oil Fund) ritirava i suoi investimenti dalla compagnia costruttrice internazionale Danya Cebus, che appartiene al fondo di investimenti Africa-Israele.

Nelle parole del Ministro dell’Economia: “Il Consiglio di Etica enfatizza che la costruzione di colonie nei territori occupati costituisce una violazione della Convenzione di Ginevra relativa alla Protezione di Civili in Tempo di Guerra”. “Varie risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e pareri del Tribunale Internazionale di Giustizia hanno concluso che la costruzione di insediamenti israeliani nei territori occupati palestinesi è proibita da questa Convenzione”, affermò il Ministro dell’Economia Sigbjoern Johnsen in una dichiarazione». (http://www.nocturnar.com/ forum/economia/427216-fondo- noruego-retira-inversiones-de- companias-israelies.html)

Il ritiro di investimenti è inoltre stato esteso al commercio di armi, e nel settembre del 2009 venne cancellato l’investimento nell’Elbit, impresa di armamenti israeliana (http://www.haaretz.com/news/israel-summons-norway-envoy-to-protest-divestment-from-arms-firm-1.8535). E non solo è stata vietata la vendita di armi a Israele, ma nel giugno del 2010 il Ministro dell’Educazione norvegese fece un invito internazionale affinché questa posizione di boicottaggio delle imprese di armamenti israeliane fosse condivisa dal resto della comunità internazionale (http://www.swedishwire.com/ nordic/4809-norway-calls-for- boycott-on-arms-to-israel), di fronte all’assassinio da parte di Israele di nove attivisti turchi nell’attacco alla Flottiglia.

Il boicottaggio norvegese è appoggiato massicciamente dalla popolazione e, secondo fonti israeliane, nell’anno 2010 il 40% dei norvegesi dichiarava di non acquistare prodotti israeliani (http://www.ynetnews.com/ articles/0.7340.L-3898052.00. html)

 

 

Appoggio al popolo palestinese

 Se la Norvegia si è messa in evidenza nel boicottaggio di Israele, lo ha fatto anche nel dichiarare e riconoscere lo Stato palestinese. Il 19 Luglio scorso il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmud Abbas ha visitato la Norvegia e il Ministro degli Affari Esteri norvegese, Jonas Gahr Støre, ha dichiarato al notiziario di TV2 che la Norvegia è disposta a riconoscere lo Stato palestinese. Queste parole sono le stesse che ha poi ripetuto durante il discorso di Utoya: “Siamo disposti a riconoscere lo Stato palestinese. Sono in attesa del testo concreto della risoluzione che i palestinesi presenteranno davanti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel mese di Settembre” (fonte: http://english.ruvr.ru/2011/ 07/19/53408557.html).

In autunno si attende che il presidente palestinese Mahmud Abbas esponga la questione davanti alle Nazioni Unite, dove chiederà l’ingresso nell’organizzazione ed il riconoscimento dello Stato palestinese secondo le frontiere precedenti la guerra del 1967 e con capitale a Gerusalemme Est. Né gli Stati Uniti né l’Europa hanno appoggiato la creazione di uno Stato palestinese indipendente.

L’ex Ministro degli Affari Esteri, Kare Willoch, ha inoltre ricevuto recentemente un passaporto palestinese ed ha espresso il suo appoggio ai palestinesi ed alla loro situazione: “Mi sono reso conto dell’ingiustizia particolarmente grave alla quale è sottoposto il popolo palestinese e che realmente tutto il mondo occidentale ha responsabilità in ciò” (fonte: http://theforeigner.no/pages/ news/abbas-to-meet-norwegian- foreign-minister/).
Reazioni di Israele

Israele non ignora queste azioni. Di fatto, il 15 di Novembre del 2010 la stampa israeliana pubblicò che la “Norvegia incita all’odio contro di noi” (fonte: ynetnews.com), dando luogo ad un grave conflitto diplomatico. Israele accusò il governo norvegese di finanziare e fomentare l’istigazione spudorata contro Israele. In questo caso la protesta era per il finanziamento e la partecipazione della Norvegia nella diffusione di opere che informavano sulla sofferenza infantile a Gaza. Questo era il testo completo della notizia:

Secondo le informazioni ricevute dal Ministero degli Affari Esteri a Gerusalemme, il municipio di Trondheim finanzia un viaggio a New York per gli studenti che partecipano nell’opera “Monologhi di Gaza” ‘che tratta della sofferenza dei bambini di Gaza come conseguenza dell’occupazione israeliana’”.

L’opera, scritta da un palestinese di Gaza, sarà presentata nella sede delle Nazioni Unite. L’iniziativa si aggiunge ad una esposizione di un artista norvegese esibita a Damasco, Beirut e Amman con la collaborazione delle ambasciate della Norvegia in Siria, Libano e Giordania.

L’esposizione mostra bambini palestinesi morti insieme a caschi dell’Esercito di Israele che ricordano i caschi dei soldati nazisti e una bandiera israeliana intrisa di sangue.

I norvegesi inoltre hanno contribuito a distribuire nei festival del cinema di tutto il mondo un documento intitolato “Tears of Gaza” («Lacrime di Gaza»). Secondo il Ministero degli Affari Esteri [israeliano], la pellicola tratta della sofferenza dei bambini di Gaza senza menzionare Hamas, i razzi sparati su Israele e il diritto di quest’ultimo a difendersi.

Nella pellicola appaiono abitanti di Gaza cantando Itbah al-Yahud, ma la traduzione norvegese dice “uccidere agli israeliani” invece di “uccidere i giudei”.

E’ inoltre stato pubblicato recentemente un libro scritto da due medici norvegesi che furono gli unici stranieri a Gaza a concedere interviste durante l’Operazione Piombo Fuso. Il libro, che accusa i soldati dell’Esercito di Israele di uccidere deliberatamente a donne e bambini, è un successo di vendite in Norvegia ed è stato calorosamente raccomandato niente di meno che dal ministro norvegese degli Affari Esteri Jonas Gahr Støre.

L’ambasciata israeliana in Norvegia ha protestato energicamente contro l’implicazione delle autorità nella demonizzazione di Israele. “La politica ufficiale e manifesta della Norvegia parla di comprensione e riconciliazione – ha detto domenica notte un’autorità israeliana – ma dalla guerra di Gaza, la Norvegia è diventata una superpotenza per quel che concerne l’esportare materiale multimediale orientate a delegittimare Israele mentre utilizza il denaro dei contribuenti norvegesi a produrre e diffondere questo materiale”.

Daniel Avalon, vice-ministro degli Affari Esteri, ha dichiarato in una riunione con membri del parlamento norvegese che “questo tipo di attività allontana le possibilità di riconciliazione e favorisce una radicalizzazione della posizione palestinese che gli impedisce di negoziare”. I norvegesi hanno risposto alle critiche israeliane dicendo che il governo appoggia la libertà di espressione e che non interverrà per alterare il contenuto di opere d’arte. (Fonte: http://www.ynetnews.com/ articles/0,7340,L-3984621,00. html ).

La stampa israeliana ha pubblicato più articoli evidenziando che le relazioni tra i due Stati non vivono il loro migliore momento. C’è da aggiungere che la Norvegia ha sempre mantenuto colloqui con Hamas dalla fondazione di un governo di unità nel 2007, distanziandosi così dalla posizione statunitense ed europea (http://www.norway.org.ps/ News_and_events/Press_Release/ Facts_about_Norway%E2%80%99s_ position_with_regard_to_Hamas/ ) e irritando profondamente Israele, come c’era da attendersi (http://news.bbc.co.uk/2/hi/ 6470669.stm).

Le cattive relazioni hanno raggiunto un apice con le dichiarazioni dello stesso Presidente di Israele, Shimon Peres, che nel maggio del 2011 ha affermato che dialogare con Hamas equivale ad appoggiare questa “organizzazione terrorista”, al quale Jonas Gahr Støre -Ministro degli Affari Esteri norvegese- rispose: “condanniamo le organizzazioni che sono implicate nel terrorismo, ma la Norvegia considera l’avere alcune liste nelle quali includere ad un’organizzazione per qualificarla come terrorista non serve ai nostri obiettivi” (http://www.newsinenglish.no/ 2011/05/06/peres-criticizes- norway-on-hamas/).

Curiosamente, il “terrorista” norvegese accusato di questo massacro, Anders Behring Breivik, è stato segnalato come titolare di un blog chiamato «Fjordman» ed i suoi messaggi appaiono da tempo con collegamenti in “Jihad Watch” e “Gates of Vienna” (http://www. wakeupfromyourslumber.com/ blog/joeblow/zionists-admit- breivik-fjordman-breivik- rightist-mass-murderer-atlas- shrugged-contribut). Se fosse così, il blog di Fjordman mostra che Breivic è un estremista neocon che odia gli immigrati e specialmente i musulmani e, oltre ad essere pro-israeliano; cfr. il blog “perché la lotta di Israele è anche la nostra lotta” (http://vladtepesblog.com/?p= 21434).

Potrebbe essere che, alla fine, i tentacoli dello Stato di Israele non siano tanto lontani da questa strage; alla fine non sarebbe stata la prima che commette né, purtroppo, sarà l’ultima. La Lega Giovanile dei Lavoratori Norvegese (AUF), il Ministro degli Affari Esteri norvegese e il suo governo al completo hanno ricevuto un tremendo colpo. Chi si è schierato nel rifiuto della politica genocida di Israele verso il popolo palestinese è ovviamente chi più soffre, precedentemente avvertiti da Israele del loro “grande coraggio”…qualcosa che nel linguaggio israeliano significa che ne pagheranno le conseguenze.
*María José Lera è professoressa presso l’Università di Siviglia e Ricardo García Pérez è traduttore.

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 27 Luglio 2011 15:21)

The Norway massacre and the nexus of Islamophobia and right-wing Zionism

By Alex Kane

Details on the culprit behind yesterday’s massacre in Norway, which saw car bombings in Oslo and a mass shooting attack on the island of Utoya that caused the deaths of at least 91 people, have begun to emerge.  While it is still too early for a complete portrait of the killer, Anders Behring Breivik, there are enough details to begin to piece together what’s behind the attack.

Although initial media reports, spurred on by the tweets of former State Department adviser on violent extremism Will McCants, linked the attacks to Islamist extremists, it was in fact an anti-Muslim zealot who committed the murders.  An examination of Breivik’s views, and his support for far-right European political movements, makes it clear that only by interrogating the nexus of Islamophobia and right-wing Zionism can one understand the political beliefs behind the terrorist attack.

Breivik is apparently an avid fan of U.S.-based anti-Muslim activists such as Pamela Geller, Robert Spencer and Daniel Pipes, and has repeatedly professed his ardent support for Israel.  Breivik’s political ideology is illuminated by looking at comments he posted to the right-wing site document.no, which author and journalist Doug Sanders put up.

Here’s a sampling of some of Breivik’s comments:

And then we have the relationship between conservative Muslims and so-called “moderate Muslims”.

There is moderate Nazis, too, that does not support fumigation of rooms and Jews. But they’re still Nazis and will only sit and watch as the conservatives Nazis strike (if it ever happens). If we accept the moderate Nazis as long as they distance themselves from the fumigation of rooms and Jews?

Now it unfortunately already cut himself with Marxists who have already infiltrated-culture, media and educational organizations. These individuals will be tolerated and will even work asprofessors and lecturers at colleges / universities and are thus able to spread their propaganda.

For me it is very hypocritical to treat Muslims, Nazis and Marxists differ. They are all supporters of hate-ideologies…(page 2-3)

What is globalization and modernity to do with mass Muslim immigration?

And you may not have heard and Japan and South Korea? These are successful and modern regimes even if they rejected multiculturalism in the 70’s. Are Japanese and South Koreans goblins?

Can you name ONE country where multiculturalism is successful where Islam is involved? The only historical example is the society without a welfare state with only non-Muslim minorities (U.S.)…(page 7)

We have selected the Vienna School of Thought as the ideological basis. This implies opposition to multiculturalism and Islamization (on cultural grounds). All ideological arguments based on anti-racism. This has proven to be very successful which explains why the modern cultural conservative movement / parties that use the Vienna School of Thought is so successful: the Progress Party,Geert Wilders, document and many others…(page 13)

I consider the future consolidation of the cultural conservative forces on all seven fronts as the most important in Norway and in all Western European countries. It is essential that we work to ensure that all these 7 fronts using the Vienna school of thought, or at least parts of the grunlag for 20-70 year-struggle that lies in front of us.

The book is called, by the way 2083 and is in English, 1100 pages).

To sums up the Vienna school of thought:

-Cultural Conservatism (anti-multiculturalism)

-Against Islamization

-Anti-racist

-Anti-authoritarian (resistance to all authoritarian ideologies of hate)

-Pro-Israel/forsvarer of non-Muslim minorities in Muslim countries

– Defender of the cultural aspects of Christianity

– To reveal the Eurabia project and the Frankfurt School (ny-marxisme/kulturmarxisme/multikulturalisme)

– Is not an economic policy and can collect everything from socialists to capitalists…(page 20)

Daniel Pipes: Leftism and Islam. Muslims, the warriors Marxists Have Been praying for.

The following summarizes the agenda of many kulturmarxister with Islam, it explains also why those on death and life protecting them. It explains so well why we, the cultural conservatives,are against Islamization and the implementation of these agendas… (page 27)

We must therefore make sure to influence other cultural conservatives to come to our anti-rasistiske/pro-homser/pro-Israel line. When they reach this line, one can take it to the next level…(page 41)

Breivik’s right-wing pro-Israel line, combined with his antipathy to Muslims, is just one example of the European far-right’s ideology, exemplified by groups such as the English Defense League (EDL).  The EDL, a group Breivik praises, along with the anti-Muslim politician Geert Wilders, share with Breivik an admiration for Israel.

Anti-Muslim activists and right-wing Zionists share a political narrative that the Israeli/Palestinian conflict is a “clash of civilizations,” one in which Judeo-Christian culture is under attack by Islam.  Israel, in this narrative, is the West’s bulwark against the threat that Islam is posing to Europe and the United States.  The nexus of Islamophobia and right-wing Zionism was clearly on display during last summer’s “Ground Zero mosque” hysteria, which culminated in a rally where Geller and Wilders addressed a crowd that included members of the EDL waving Israeli flags.  

This comment by Breivik is one example of the twisted way in which Islamophobia and a militant pro-Israel ideology fit together:

Cultural conservatives disagree when they believe the conflict is based on Islamic imperialism,that Islam is a political ideology and not a race.

Cultural conservatives believe Israel has a right to protect themselves against the Jihad.

Kulturmarxistene refuses to recognize the fact that Islam’s political doctrine is relevant and essential. They can never admit to or support this because they believe that this is primarily about a race war – that Israel hates Arabs (breed).

As long as you can not agree on the fundamental perceptions of reality are too naive to expect that one to come to any conclusion.Before one at all can begin to discuss this conflict must first agree on the fundamental truths of Islam’s political doctrine.

Most people here have great insight in key Muslim concepts that al-taqiiya (political deceit), naskh (Quranic abrogation) and Jihad. The problem is that kulturmarxister refuses to recognizet hese concepts.They can not recognize these key Muslim concepts. For if they do so erodes the primary argument that Israel is a “racist state” and that this is a race war (Israelis vs. Arabs) and not defense against Jihad (Kafr vs. Ummah)

Breivik’s admiration for the likes of Daniel Pipes is also telling, and should serve as a warning that, while it would be extremely unfair and wrong to link Pipes in any way to the massacre in Norway, Breivik’s views are not so far off from some establishment neoconservative voices in the U.S.  For instance, both Pipes and Breivik share a concern with Muslim demographics in Europe.  In 1990, Pipes wrote in the National Review that “Western European societies are unprepared for the massive immigration of brown-skinned peoples cooking strange foods and maintaining different standards of hygiene…All immigrants bring exotic customs and attitudes, but Muslim customs are more troublesome than most.”

Pipes was appointed by the Bush administration to the U.S. Institute of Peace, and sits on the same board than none other than the Obama administration’s point man on the Middle East, Dennis Ross.

Pipes’ and Breivik’s concern about Muslim and Arab demographics also recall the remarks of Harvard Fellow Martin Kramer, who infamously told the Herzliya Conference in Israel last year that the West should “stop providing pro-natal subsidies for Palestinians with refugee status…Israel’s present sanctions on Gaza have a political aim, undermine the Hamas regime, but they also break Gaza’s runaway population growth and there is some evidence that they have.”

Adding to the Israel/Palestine angle here is the fact that the day before the attack on the island of Utoya, a Palestine solidarity event was held there.

Why Breivik, and his accomplices if he had any, would attack young Norwegians remains unclear.  But it probably had something to do with Breivik’s belief that European governments, and the Norwegian government, were run by “Marxists” allied with Islamist extremists who were bent on destroying Europe through “multiculturalism.”

Of course, support for Israel and its current right-wing policies do not automatically translate into support for extremist right-wing violence.  But Palestinians, and the larger Arab and Muslim world, know far too well the consequences of Islamophobia and far right-wing Zionism.  Now, it seems that Norwegians do too.  While much remains to be learned about the attacks in Norway, it has exposed the dangerous nexus of Islamophobia, neoconservatism and right-wing Zionism, and what could happen when the wrong person subscribes to those toxic beliefs.

Senior Hizballah Official Wanted for Murder

 

By Matthew Levitt

July 20, 2011

The recent indictment of senior Hizballah figure Mustafa Badreddine has the group on edge, and for good reason.

Among the suspects indicted last month by the UN Special Tribunal for Lebanon (STL) — the body charged with investigating the assassination of former prime minister Rafiq Hariri — is Mustafa Badreddine, a senior figure in Hizballah’s international terrorist operations branch. Public exposure of his activities, including Hizballah’s reported role in the Hariri murder, would deal a severe blow to group.

Crucial Indictment

The STL has been poised to indict Hizballah members for months. On June 30, 2011, it delivered a sealed indictment and arrest warrants to Lebanese state prosecutor Said Merza. And on July 13, at the STL’s request, Interpol issued international arrest warrants (“red notices”) notifying law enforcement agencies in its 188 member countries that the suspects were wanted in connection with Hariri’s assassination.

Neither the indictments nor the red notices have been made public, but leaks from Lebanese judiciary officials confirmed the names of four men, all reported to be Hizballah members: Badreddine, Salim Ayyash (characterized as a U.S. passport holder who headed the cell that carried out the assassination), Hasan Aneisi, and Asad Sabra. The inclusion of Badreddine — cousin and brother-in-law to Imad Mughniyah, who was chief of the Hizballah external operations branch known as the Islamic Jihad Organization (IJO) until his 2008 assassination by a car bomb in Damascus — has the group on edge, and with good reason.

The tribunal seems determined to proceed with a public trial even if it must be carried out in absentia. The exposure of evidence tying someone as senior as Badreddine to the murder of Lebanon’s leading Sunni figure would severely undermine Hizballah’s image — particularly the group’s longstanding claim that it is first and foremost part of the fabric of Lebanese society, and only secondarily a Shiite or pro-Iranian movement.

Investigation Points to Hizballah

Evidence implicating Hizballah as a primary suspect in Hariri’s assassination first appeared in May 2009. A story in Der Spiegel reported on blatantly suspicious cell phone activity, including one Hizballah operative who called his girlfriend from a handset used in the operation. And both Le Monde and the Canadian Broadcasting Corporation have detailed the group’s role in the assassination and its efforts to undermine the STL’s investigation.

In 2010, the STL summoned Badreddine for questioning and was set to announce him as the main suspect. Yet that plan faltered when Prime Minister Saad Hariri, afraid of the political implications such an announcement would hold, requested that the STL postpone the release of his name.

Indeed, Badreddine is by far the most significant person named in last month’s long-awaited indictment. Although Hizballah never publicly announced Mughniyah’s successor as head of the IJO, Badreddine is often cited as a possible candidate. Like Mughniyah before him, he reportedly sits on the group’s shura council and serves as a senior advisor to Secretary-General Hassan Nasrallah. According to a Hizballah member interrogated by the Canadian Security Intelligence Service, Badreddine is “more dangerous” than Mughniyah, who was “his teacher in terrorism.”

Badreddine and the IJO

Mughniyah and Badreddine’s operational partnership began as early as 1983, when they served as master planner and explosives expert, respectively, in the U.S. Marine barracks bombing in Lebanon. They reportedly watched the operation unfold from the rooftop of a building not far from the blast. And during the planning stages, Badreddine apparently developed what would become his trademark explosive technique: adding gas to increase the power of sophisticated explosives.

The two men also collaborated in planning the December 1983 car bombings against the U.S. and French embassies in Kuwait. Other targets included the airport control tower, the main oil refinery, and a residential area for employees of the American corporation Raytheon. Seventeen people were convicted of participating in those attacks, including Badreddine (also known by his Christian alias Elias Saab). All seventeen were members of the Iran-based group al-Dawa, a movement of Iraqi Shiite fundamentalists sponsored by Tehran and linked to Hizballah. After a six-week trial in Kuwait, Badreddine was sentenced to death.

Over the next several years, Mughniyah focused on attacks aimed at securing his cousin’s freedom. According to U.S. and Lebanese intelligence officials, he organized a series of international hijackings and kidnappings in Beirut beginning in 1984, all intended to force Badreddine’s release. For example, Lebanese Canadian Hizballah member Muhammad Hussein al-Husseini confessed that Mughniyah had hijacked Kuwait Airways Flight 422 “to secure the release of Hajj Mustafa Badreddine.” Believed to be an active member of Hizballah’s Foreign Security Apparatus, al-Husseini revealed a great deal of knowledge about the group’s inner workings to Canadian interrogators, including confirmation of Mughniyah and Badreddine’s familial relationship.

Other attacks aimed at freeing the “Kuwait 17” included Hizballah’s first plane hijacking: the 1984 seizure of Kuwait Airways Flight 221, in which two U.S. Agency for International Development officials were murdered. After Kuwait refused to release the prisoners in exchange for hostages, Iranian security forces “stormed” the plane and “captured” the hijackers, who later vanished. The following year, Hizballah carried out three more attacks with similar demands. In March, operatives kidnapped reporter Terry Anderson. On May 25 — just two weeks after the IJO warned of “catastrophic consequences” if the Kuwait 17 were not freed — a car loaded with explosives rammed into the Kuwaiti emir’s motorcade in a failed assassination attempt. And in June, operatives seized TWA Flight 847 en route from Athens and murdered a U.S. Navy diver; the other hostages were released seventeen days later.

Although Badreddine and five other Kuwait 17 convicts had been sentenced to death, the emir never signed the order to actually carry out the sentence. Therefore, Badreddine was still alive in 1991, when Iraq invaded Kuwait and emptied the country’s prisons. After he escaped to the Iranian embassy in Kuwait, the Islamic Revolutionary Guard Corps reportedly facilitated his travel to Iran and eventual return to Lebanon.

Next Steps for the STL

Hizballah is now the dominant political force in Lebanon, and the odds that the indicted suspects will be arrested and handed over for trial are slim to none. Speaking to the Beirut Daily Star just before the indictments were announced, a “judicial source” in Lebanon commented that “judicial authorities will not be able to act if the indictment includes individuals from Hizballah…Under the current circumstances and without a cabinet [policy] statement, judicial authorities will be in some kind of limbo.” Despite the fact that Beirut signed a binding agreement with the UN in 2007 to cooperate with the international court, the new Hizballah-led government has questioned the legitimacy of that commitment.

Now that warrants have been issued to the Lebanese state prosecutor, the government has thirty days from the official issue date — that is, until July 30 — to arrest the suspects and arrange for them to stand trial in The Hague. If Lebanon fails to turn them over, the STL has the authority to publicize their names and ask them to turn themselves in. Yet Hassan Nasrallah has disparaged the tribunal as “an American-Israeli conspiracy” and insisted that the accused would not be extradited, “not in thirty days, and not in thirty years.” He warned that he would “cut the hand” of anyone caught trying to apprehend the four suspects, whom he referred to as “brothers with an honorable past.”

After the names of the indicted are made public, the accused have thirty days to turn themselves in. If they do not, the tribunal is empowered to appoint defense lawyers for them in absentia and begin preparing for a trial in The Hague. Regardless of Hizballah’s response, then, preparations for a trial will likely be underway by fall, whether Badreddine and his accused co-conspirators are present or not.

Matthew Levitt is director of The Washington Institute’s Stein Program on Counterterrorism and Intelligence.